Significato dei fiori, l’arnica

di Valentina

L’arnica è una pianta erbacea molto facile da coltivare. Appartenente alla famiglia delle astaracee assomiglia di aspetto ad una grande margherita gialla. La sua semplicità la rende perfetta per un regalo. Vediamo insieme il suo significato nel linguaggio.

L’arnica è una pianta originaria dell’America del Nord molto resistente ed in qualche maniera questa sua capacità si riflette su quello che è il suo significato originale. Questa pianta è incredibilmente piena di sfaccettature da questo punto di vista. Vi state chiedendo perchè stiamo dicendo questo? E’ presto detto. Sebbene il significato principale nel linguaggio dei fiori dell’arnica sia “ritorno disperato”, in realtà è stata utilizzata nei secoli per indicare tutta una serie di sentimenti diversi e contrastanti in qualche modo.

Essa infatti esprime la fine del dolore ma contemporaneamente il ritorno dell’amato. E’ sinonimo di fedeltà ma anche di felicità amorosa: due significati questi strettamente alla sua resistenza fisica. Ma questi simpatici fiori gialli,conosciuti anche come “erba dello starnuto”, significano anche liberazione e recupero, come rigenerazione e perdono. Quando si regalano dei fiori di arnica ad una persona cara il messaggio che può accompagnare questo dono può essere relativo ad un ritorno di fiamma, o alla liberazione di un vecchio rancore che si è provato per tanto tempo. Così come una serenità ritrovata in un rapporto o il superamento di una crisi.

Questi fiori si adattano perfettamente ad essere utilizzati come richiesta di pace e dimostrazione di pentimento. Insomma, anche se spesso poco considerati, sono in grado di esprimere davvero un grande ventaglio di sensazioni. Una leggenda legata all’arnica vuole che un uomo tanti secoli fa si sposò con una donna bellissima, che acconsentì alle nozze solo in cambio della promessa che i suoi capelli formati da raggi di sole non venissero mai toccati.

Da questo matrimonio nacquero tre figli. Una sera, spinto dalla tenerezza, l’uomo accarezzò la testa della moglie che scomparve. La donna, sotto forma di spirito tornava solo per sbrigare le faccende di casa. Una sera una delle figlie decise di chiedere aiuto ad una strega che le diede una formula per far tornare la madre in carne ed ossa. Durante tutto il tragitto con l’incantesimo, i capelli della donna caddero tutti , dando vita all’arnica, e lasciando il posto a dei normali capelli da umana.

Photo Credits | marcociannarel / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.