Semine di settembre, il cavolo verza

di gianni puglisi

Spread the love

Il cavolo verza o, semplicemente, verza (Brassica oleracea bullata sabauda) è una varietà di cavolo appartenente alla famiglia delle Brassicaceae, che è possibile seminare a settembre. La verza, detta anche cavolo di Milano, è molto utilizzata in cucina per preparare zuppe e minestre, ma anche per piatti della tradizione orientale: alcuni tipi di sushi, infatti, prevedono l’uso delle foglie di verza.

Il cavolo verza si caratterizza per le foglie grandi, bollose e raccolte a palla; la parte che si può mangiare è la rosetta di foglie; la verza è una pianta erbacea a ciclo biennale, più resistente al freddo rispetto al cavolo cappuccio, coltivata, in Italia, nelle zone centro-settentrionali.

Il cavolo verza si semina all’inizio dell’autunno o alla fine dell’inverno, in un terreno fresco, ben lavorato e, soprattutto ben concimato; ama il clima umido e resiste bene al freddo; per quanto riguarda l’epoca di semina, essa cambia a seconda delle varietà: le varietà precoci devono essere seminate a settembre, da gennaio a maggio le varietà medio-tardive e, tra aprile e maggio, le varietà tardive. La semina del cavolo verza avviene in semenzaio, dal quale andrà trapiantato dopo circa 40 giorni, quanto le piantine avranno raggiunto un’altezza di circa 20 centimetri.

Come dicevamo, il cavolo verza è utilizzato per moltissime preparazioni culinarie e non soltanto in Italia; la sua importanza in cucina non si deve solo alla versatilità del suo utilizzo ma anche alle sue proprietà: innanzi tutto è un ortaggio poco calorico, circa 30 calorie ogni 100 grammi, e poi è molto saziante; inoltre è ricco di vitamine e di minerali.

Le proprietà benefiche del cavolo verza sono note fin dall’antichità, basti pensare che era considerato sacro dai Greci; un decotto di foglie di verza è utile per combattere le malattie dell’apparato gastrodigerente e la bronchite, mentre l’acqua di cottura, essendo ricca di zolfo, aiuta a curare infiammazioni ed eczemi.

Infine, il succo della verza è utile per chi soffre di stipsi: fate bollire il cavolo verza in poca acqua per circa due o tre minuti, filtrate il succo e bevetelo la mattina e la sera.

 

zp8497586rq