Clematide “Prince George” in onore del Royal baby

di Valentina

George, il figlio di William di Inghilterra e Kate Middleton è nato da pochi giorni. Eppure un fiore estivo, in onore della sua nascita è già stato creato. Parliamo della clematide “Prince George”, ideata appositamente per il Royal baby.

Lo abbiamo già visto accadere con la “rosa William e Catherine” e di sicuro vedremo l’iniziativa riproporsi per qualsiasi importante avvenimento della casa reale Windsor: celebrare gli eventi con dei fiori perfetti per il giardinaggio è una consuetudine. Lo è anche per noi, dove rose e altri fiori vengono dedicati ed ideati dagli ibridatori per onorare pontefici e personaggi famosi. Ovviamente poi queste fioriture vengono vendute al pubblico per trarne profitto. Ma cosa ci importa alla fine: non vogliamo tutti noi vantarci di coltivare dei fiori speciali e unici nel loro genere?

La risposta è ovviamente positiva, quindi vediamo di conoscere più da vicino la clematide “Prince George”. Come tutte le piante appartenenti alla sua specie, anche quella dedicata al principino inglese è una rampicante perenne dai fusti delicatissimi e capace di produrre moltissimi fiori. Questa varietà messa a punto dai giardinieri inglesi fiorisce in estate. Parliamo di una pianta molto rustica, che deve essere potata ad inizio primavera sopra la prima coppia di gemme che appare partendo dalla base. E’ un piccolo trucco per far sì che la pianta produca nuovi steli pieni di fiori.

Secondo gli ibridatori che l’hanno creata, la “Clematis Prince George” produce ininterrottamente, nel periodo che va da giugno a settembre, abbondanti fiori di colore bianco puro formati da petali leggermente arricciati accompagnati da stami giallo-oro. La pianta, concludono, può raggiungere con molta facilità i due metri di altezza. Insomma, un fiore degno del rango dei suoi ispiratori. Sapevate che un simile fiore era stato creato anche per la principessa Diana? Sarà perverso, ma immaginate comporre un giardino con tutte le piante dedicate ai reali di Inghilterra. Quale potrebbe essere il risultato?

Photo Credit | Crocus

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.