Concimi a base di azoto, possibile estrarli dall’aria?

di Valentina

La concimazione del terreno è una delle basi di un’ottima coltivazione, sia che si parli di ortaggi sia di piante da fiore. Abbiamo visto che a seconda del risultato che dobbiamo raggiungere, abbiamo bisogno di diverse sostanze. Sapete che stanno tentando di ottenere concimi a base di azoto direttamente dall’aria?

Ora, intendiamoci, per quanto a buon prezzo (relativamente) possiamo acquistare del concime o del fertilizzante presso i vivaisti, il processo di preparazione del concime a base di azoto (o qualsiasi altra sostanza, N.d.R.) presuppone una serie di passaggi tutti recanti una certa spesa ed una certa dose di lavoro. Il sito specializzato GreenStyle ci racconta che un gruppo di ricercatori americani sarebbero stati capaci di trovare un modo per estrarre, ad un costo materiale non eccessivo, l’azoto direttamente dall’atmosfera.

Viene da se che abbassando il costo dei concimi, soprattutto a livello industriale corrisponderebbe a spendere di meno in generale per le derrate alimentari al dettaglio e vi sarebbe anche la possibilità per i singoli amatori di raggiungere migliori risultati spendendo di meno. Potrà sembrare forse fantascientifico, ma quello che la squadra di Edward Cocking (questo il nome del coordinatore della ricerca dedicata, N.d.R.) ha messo a punto non è altro che la trasposizione tecnica di qualcosa che già succede in natura. Ovvero quello che accade grazie alle piante di legumi. Le leguminose sono forse la maggiore fonte naturale e vegetale di azoto: o meglio lo strumento con il quale lo stesso si fissa sul terreno. Ricordate come funziona la rotazione delle colture? Si può quasi definire il “metodo di concimazione” più naturale che esiste.

Ed il processo dei ricercatori si basa su questo assunto e l’aggiunta di particolari batteri nelle radici delle altre piante, in modo tale da “trasformarle” in “leguminose” in grado di prendere l’azoto dal terreno. Interessante vero? Pensate alle potenziali applicazioni al dettaglio…

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.