Le piante da regalare da natale

Spread the love

Natale si avvicina e tutti quanti noi ci ritroviamo alle prese con il tormentone regali. E non è solo un modo di dire, non per me almeno. Da qualche anno a questa parte però ho risolto il problema (in parte) orientandomi sulle piante natalizie; dono sempre gradito e di costo modico, grazie al quale tutti possiamo fare un figurone, a patto di scegliere la pianta più adatta alle esigenze del destinatario. Pernezia, Echeveria rossa e Ardisia crenata, sono per esempio, ottime idee regalo per chi non possiede un giardino e neppure la passione per il giardinaggio.

Pernezia

La Pernezia si presenta come un piccolo cespuglio compatto. E’ un’ottima idea regalo perchè, nonostante la fioritura estiva, dalla fine dell’autunno e per tutto l’inverno produce deliziose bacche rosse o bianche. In vaso possono essere acquistate le varietà nane, che non superano cioè i 30 cm di altezza. Se il destinatario del nostro dono non dispone di un giardino è meglio eviatare la Pernettya macrocarpa che può ergersi fino a 2 metri di altezza. E’ una pianta tutto sommato di facile coltivazione, perfetta quindi anche per chi non ha il pollice verde. Gradisce esposizioni soleggiate ma cresce bene anche in penombra. Le innaffiature devono esere costanti ma moderate. Unici accorgimenti: aggiungere del fertilizzante per acidofile all’acqua delle innaffiature (ogni 15-20 giorni e solo dalla primavera all’autunno) e rimuovere i rami più lunghi e deformati verso fine inverno.

Echeveria rossa

L’Echeveria rossa è in realtà una “semplice” pianta grassa, l’Echeveria appunto, le cui foglie vengono tinte con una sostanza impregnante al fine di proporla, sotto le feste, come pianta natalizia. Le cure di cui ha bisogno sono quindi identiche a quelle di qualunque altra pianta di questo genere. Se la pernezia è un’ottima idea regalo per chi non ha troppo tempo o voglia di occuparsi di giardinaggio, questo è ancora più vero per l’echeveria che richiede innaffiature sporadiche in inverno e regolari solo durante l’estate. Attenzione però al terriccio che deve essere poroso e ben drenato.

Ardisia crenata

Anche l’Ardisia crenata è caratterizzata dalla produzione invernale di bacche rosse, mentre i fiori, che compaiono in estate, sono a confronto piuttosto insignificanti. Raggiunge un’altezza massima di 90 cm, non tollera il freddo e durante l’inverno deve essere riparata in casa. In estate può essere portata all’aperto ma deve rimanere lontana dal sole diretto. In inverno richiede annaffiature saltuarie ma è consigliabile nebulizzare frequantemente le foglie. In estate va annaffiata con maggiore frequenza ma occorre comunque aspettare che il terreno si asciughi fra un’innaffiatura e l’altra.

Photocredit | Thinkstock

 

 

Lascia un commento