Il fertilizzante organico ricavato dallo scarto

di Daniele Pace

Proviamo ad approfondire un argomento spesso e volentieri sottovalutato dagli addetti ai lavori

RIFIUTI COME CONCIME VEGETALE

DARE UNA NUOVA VITA AI RIFIUTI

Il fertilizzante organico è un fertilizzante che può essere prodotto da rifiuti come compost e letame, ovvero da qualsiasi materiale organico di piante e animali in fase di decomposizione e può presentarsi in forma solida o liquida. Le sostanze organiche presenti nei fertilizzanti organici sono in grado di migliorare le proprietà biologiche, fisiche e chimiche del suolo se aggiunte ad esse; basti pensare che i fertilizzanti organici derivati ​​dai rifiuti possono migliorare la qualità del suolo e nel dettaglio migliorare la qualità e la quantità della produzione agricola. La produzione di fertilizzanti organici, grazie alla sua non contaminazione ambientale, aumenta la qualità dei terreni sostenibili.

fertilizzante organico

I FANGHI DI DEPURAZIONE COME FERTILIZZANTI

DEPURAZIONE ACQUEE E FANGO SOSTENIBILE

I rifiuti come fanghi di depurazione, letame, rifiuti agricoli e rifiuti alimentari possono essere convertiti in materiale utile come fertilizzante organico. I fanghi di depurazione sono un materiale semisolido derivato dal trattamento delle acque reflue e dalle acque reflue industriali. Il trattamento delle acque reflue nei fanghi di depurazione produce una grande quantità di fanghi. Un’elevata produzione che ha reso possibile l’utilizzo di questi fanghi come fertilizzanti organici nel settore agricolo. L’uso del compost di fanghi è un trattamento sostenibile rispetto all’incenerimento e alle discariche poiché i fanghi composti possono riciclare la materia organica e i nutrienti come azoto, fosforo e potassio i quali poi vengono riciclati e riutilizzati come fertilizzanti organici per migliorare la fertilità del suolo.

I RIFIUTI AGRICOLI, NATURALI E NON NATURALI

I FERTILIZZANTI ORGANICI RICAVATI DAI RIFIUTI ANIMALI

I rifiuti agricoli sono rifiuti naturali e non naturali prodotti da attività agricole come l’allevamento di latte, l’allevamento di bestiame, la coltivazione di sementi e l’orticoltura. I rifiuti naturali sono rifiuti organici di letame di campagna, escrezione di animali ed effluenti di insilato, mentre i rifiuti non naturali sono plastica, pesticidi e rifiuti di oli. Una corretta gestione dei rifiuti agricoli può mantenere condizioni sane per gli animali da allevamento, fornire sostanze nutritive per la produzione agricola e ridurre l’uso di fertilizzanti commerciali. I fertilizzanti organici provenienti da rifiuti animali possono migliorare il contenuto di sostanza organica e la capacità di trattenere l’acqua del suolo. La disponibilità di nutrienti per le colture aumenta quando le condizioni del suolo sono migliorate dall’aggiunta di rifiuti animali.

I RIFIUTI ALIMENTARI, DA SCARTO A FERTILIZZANTI

FRUTTA, VERDURA TRA I MIGLIORI FERTILIZZANTI ORGANICI

La conversione dei rifiuti alimentari in fertilizzanti organici mediante fermentazione allo stato solido o compostaggio è ampiamente condotta per ridurre la quantità di rifiuti alimentari prodotti quotidianamente. I rifiuti alimentari che non vengono maneggiati correttamente possono causare contaminazione delle acque sotterranee, emissione di gas tossici, emanazione di odori e attrazione di parassiti. Il rifiuto alimentare viene quindi usato come concime vegetale: frutta, verdura, grano, pane e gusci d’uovo possono essere composti e convertiti infatti in fertilizzanti organici. Possono essere composti anche rifiuti alimentari come carne rossa e ossa, ma la loro composizione richiede più tempo. I rifiuti alimentari sono ampiamente riciclati in fertilizzanti organici perché i rifiuti alimentari hanno caratteristiche speciali come agente di compost grezzo. I rifiuti alimentari contengono energia elevata ed è adatto per la produzione di energia e la stabilizzazione dei rifiuti.

Gli elementi principali nel compostaggio dei rifiuti alimentari sono le caratteristiche fisiche e chimiche del substrato che includono la composizione e la dimensione delle particelle. I rifiuti alimentari hanno un alto contenuto di umidità e una bassa struttura fisica rispetto ai fanghi di depurazione e al letame. Condizioni ambientali come la temperatura e il pH influenzano il degrado di ogni componente dei rifiuti alimentari in fertilizzanti organici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.