Perchè usare il fertilizzante per le piante?

di Giulia Tarroni

Perchè usare il fertilizzante per le piante? Le motivazioni sono tante e tutte ugualmente valide: per prima cosa il fertilizzante serve per nutrire le piante del giardino o dell’orto, migliorando la compostezza del terreno e permettendo alle stesse di svilupparsi meglio, fortificandosi. Ma attenzione perchè l’uso del fertilizzante non dovrà essere uguale per tutte le piante, ma ognuna avrà il suo specifico, che varia in base alla composizione chimica ed a ciò che si vuole ottenere.


Gli elementi principali necessari per la crescita della pianta sono azoto, fosforo e potassio, ognuno dei quali assolve ad un compito specifico: ovviamente ogni pianta andrà fertilizzata nel modo giusto e con le giuste quantità. Se non amate i fertilizzanti chimici, che sono la maggior parte di quelli che si trovano in commercio, potrete anche optare per un prodotto naturale.

Tra le soluzioni da preferire vi sono senza dubbio lo stallatico, il compost, la torba, il terriccio: sono tutti composti da sostanze organiche e se utilizzati nel modo giusto, possono contribuire a migliorare il terreno. Alcune soluzioni alternative possono essere anche date dalla birra e dalla cenere. Sul compost e sulla possibilità di preparalo comodamente a casa vostra ci siamo già soffermati diverse volte, ecco alcuni consigli a riguardo.

Preferire i fertilizzanti naturali fa si che le sostanze nutritive vengano assorbite dal terreno in maniera graduale e poi dalle piante stesse: occorre innaffiare anche le piante dopo la loro somministrazione, per far si che il nutrimento venga distribuito in maniera uniforme. E se avete dei dubbi chiedete sempre consiglio al vostro rivenditore di fiducia!

Foto credit Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.