La ricetta del relax è un giardino fresco e colorato

di Redazione

Sommersi come siamo dalle incombenze, dagli appuntamenti e dalle mille scadenze che ogni giorno riempiono la nostra routine spesso ci lasciamo sopraffare dallo stress che – inevitabilmente – finiamo per portare anche tra le mura di casa, dove riposarsi è poi più difficile. C’è una ricetta naturale al 100% che è sempre pronta a trasformare momenti di tensione e affaticamento in occasioni di beatitudine: al centro di tutto si pone il giardino, con quelle attività complementari che servono a renderlo sempre bello e rigoglioso.

La ‘medicina verde’ che solo il giardinaggio sa offrire

Uno specchio dell’anima, insomma, un luogo che si lega a doppio filo con il recupero di un rapporto diretto con la Terra. Un’emozione lunga tutto il tempo che riusciamo a dedicargli, perfetta per ‘staccare’ completamente dalle preoccupazioni e dai problemi legati al quotidiano – lavoro, famiglia, amici – restituendoci una visuale pulita e limpida, attraverso la quale tornare poi a vedere le cose. Avere la fortuna di vivere in una casa provvista di giardino – o meglio ancora di un’abitazione collegata a un fazzoletto di terra, perfetto per essere anche coltivato – è un po’ come sapere di potersi sempre immergere nella ‘medicina verde’ che solo il giardinaggio è in grado di offrire. Occorre impostare una perfetta routine di cura per il proprio giardino, in modo da trovarsi sempre a proprio agio e circondati dalla bellezza. Basta pensare a uno dei momenti clou della vita all’interno dello spazio verde: la cura del prato.

L’importanza di una perfetta cura del prato

La manutenzione del giardino è importantissima per assicurarsi sempre la migliore esperienza di relax. Ecco perché la maggior parte delle persone sceglie di affidarsi alla praticità dei tagliaerba professionali per questa operazione cruciale. Con la loro maneggevolezza che li rende veloci e sicuri riescono a cullare e trasportare l’amante del giardinaggio su un pianeta ‘altro’. La sensazione di ordine e di pulizia che ne scaturisce dopo il loro uso si riflette poi sulla mente, offrendo l’occasione di recuperare uno sguardo lucido e reattivo. Si parla anzi sempre più spesso di ‘garden therapy’ ovvero della tendenza a vivere il momento del giardinaggio come se fosse una vera e propria seduta di benessere. Il giardinaggio – così come anche l’orticoltura – è ritenuto da medici e ricercatori un’attività assolutamente positiva e da promuovere, specie tra le nuove generazioni. Basta avere uno spazio verde, anche di piccole dimensioni, al quale dedicarsi con amore per ottenere un surplus di relax favorendo riflessione e meditazione. E abituare i figli fin da piccoli a prendere dimestichezza con il ‘pianeta verde’ servirà a sviluppare coscienza critica, a scoprire e comprendere la natura e i suoi ritmi oltre che a respirare aria pura e sana (specie se si vive in città).

Qualche consiglio utile per il taglio dell’erba

Ricordate sempre che per effettuare il taglio dell’erba bisogna aspettare le ore più fresche della giornata: meglio farlo al tramonto. Non bisogna mai dedicarsi a questa operazione – che per l’erba rappresenta uno stress – dopo aver irrigato il prato. Se l’erba infatti è umida si potrebbero avere risultati sgraditi quanto a uniformità, inoltre essendo i fili bagnati pesanti e tendenti ad afflosciarsi le lame del tagliaerba potrebbero non riuscire a reciderli. E’ molto importante dedicarsi a questa attività con una certa frequenza, soprattutto se si vuole limitare la comparsa e la diffusione di piante infestanti. Bisognerebbe fare il prato almeno una volta alla settimana: in estate la crescita dell’erba sarà meno rigogliosa e si potranno distanziare i tagli (ogni dieci giorni andrà bene). Si tratta di un periodo dell’anno durante il quale potrà essere utile lasciare il manto erboso un po’ più alto, così da permettere di trattenere meglio l’umidità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.