Come creare un laghetto artificiale nel vostro giardino: la posa della vasca

di Valentina

Scegliere di costruire un laghetto artificiale nel proprio giardino può rivelarsi una scelta molto vantaggiosa dal punto di vista estetico. Un po’ meno conveniente da quello fisco, se si decide di affrontare tutte le fasi da soli, senza avvalersi di personale specializzato.Oggi vi daremo qualche indicazione per effettuare lo scavo e la posa della vasca, senza dimenticare di dedicare un piccolo spazio anche alla decorazione della stessa.

Costruire un laghetto dà modo di poter coltivare piante acquatiche, godere di una bella vista: è basilare però agire correttamente in ogni fase di preparazione. La prima cosa alla quale bisogna pensare, una volta scelta la tipologia di vasca da utilizzare, è lo scavo. Si tratta del momento più importante dell’intera costruzione. Non ci si possono permettere errori di sorta, specialmente per ciò che riguarda la misurazione.

In caso di vasca rigida è importante ricordare di calcolare la profondità in modo tale che corrisponda a quella della vasca acquistata e la larghezza tenendo conto di 15 cm in più lungo tutto il perimetro, in modo tale da facilitare la stabilità della stessa ed il suo ancoraggio al terreno. Inutile dire che lo scavo debba ricalcare in tutto e per tutto la forma della vasca scelta. Potete aiutarvi nella misurazione con un metro ed una livella.

Una volta raggiunta la quota giusta, bisogna compattare il fondo e coprirlo con uno strato di sabbia di 2,5 cm di spessore. Dopodiché si prende la vasca e la si preme contro il fondo fino a verificare che sia completamente orizzontale.

E’ arrivato il momento di riempire la vasca con dell’acqua. Si trata di un operazione che va eseguita con cura, inserendo contemporaneamente della sabbia nello spazio compreso lateralmente tra la vasca ed il terreno. Nel momento in cui la stessa risulterà stabile si deve rifinire il bordo rivestendolo con delle lastre di pietra posate con la malta che debbono sporgere sulla vasca almeno cinque centimetri.

Attenzione a non sporcare l’acqua: non rimarrebbe altro da fare, altrimenti, che svuotare la vasca con una pompa.

In caso di vasca flessibile il procedimento è più o meno lo stesso per ciò che riguarda lo scavo, con l’unica differenza che la forma potete deciderla voi in base ai vostri gusti. Basterà segnare i confini della “vasca” con dei picchetti e scavare seguendo quella traccia. Prima di tutto bisogna raggiungere il primo traguardo del ripiano del bordo. Fatto questo, si deve scavare la parte più profonda. E’ importante rimuovere tutte le asperità del terreno per evitare che il telo che comporrà la vostra vasca di buchi.  Ovviamente la sommità del laghetto deve essere orizzontale: se avete delle pendenze dovrete costruire dei muretti di sostegno in pietra e terra riportata.

Sul fondo dovranno essere posti sempre 2,5cm di sabbia fine ed umida. Si stende poi il telo fermandolo con dei mattoni. A questo punto la vasca può essere riempita, dando gioco al telo man mano che l’acqua sale. Arrivati a 5 cm dal bordo bisogna tagliare il telo in eccesso, lasciando un gioco di circa 15 cm. Dopodiché, si potrà completare il laghetto con il bordo di pietre e malta. Se volete maggiori informazioni sulla scelta della vasca, potete consultare il nostro post a tal riguardo.

Photocredit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.