Lavori sul balcone a Marzo: è il momento di riverniciare e rinnovare il terriccio

di Redazione

Conclusi i lavori di sistemazione e riservate le dovute attenzioni alle piante, al balcone vero e proprio devono essere praticate de­terminate cure. L’ordine e la «freschezza» sono i presupposti essenziali per un balco­ne che si voglia definire « bello » nel senso più ampio della parola. Bisogna tenere presente che, anche da un punto di vista estetico, ringhiera, tralicci in legno per rampicanti, ganci per vasi pensili e così via, hanno bisogno di essere vernicia­ti ogni anno. Questa precauzione impedirà al ferro di ar­rugginire e corrodersi, e al legno di impu­tridire.

Le operazioni di verniciatura si eseguono di solito alla fine dell’inverno o al massimo in Marzo, anche per mettere riparo a eventuali danni provocati dal gelo: inoltre, in questo periodo, molte piante sono ancora in riposo e non dovrebbero risentire il minimo disa­gio per eventuali esalazioni provenienti dalla vernice impiegata.

 

Ottimi sono i prodotti vernicianti al «flatting», una sostanza assolutamente imper­meabile, che costituisce una valida difesa contro le infiltrazioni dell’acqua. Il «flatting» infatti viene di solito impiegato per la ver­niciatura delle barche.

Per concludere l’argomento che riguarda la sistemazione del balcone, ricorderemo che circa ogni quattro anni il terriccio dei vasi dovrebbe essere rinnovato per mettere le piante in condizioni di prosperare nel modo migliore. A parte questa totale sostituzione, è opportuno rinnovare ogni anno lo strato più superficiale della terra sostituendolo con terriccio fresco, concimato di recente con prodotti organici in polvere. La terra ormai sfruttata potrà essere mesco­lata a 1/3 di torba, a 1/3 di sabbia e a una manciata di concime organico in polve­re ogni 10 palette della terra stessa, e ripo­sta in una cassetta o in un sacco di plastica aperto. Dopo circa un mese il miscuglio po­trà essere impiegato sia per gli arbusti sia per le piantine erbacee.

Domani vedremo come si possono combattere i nemici delle piante che se pur attaccano indistintamente sia le specie coltivate in ca­sa sia all’aperto, si dimostrano particolar­mente aggressivi con quelle che vivono in vaso sul balcone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.