Piante medicinali: il Meliloto

di gianni puglisi

Il Melilotus officinalis, o più semplicemente Meliloto comune, è una pianta erbacea annuale o biennale appartenente alla famiglia delle Fabaceae, che si sviluppa spontaneo nei campi, lungo le strade oppure sulle sponde dei torrenti.

Questa pianta medicinale si caratterizza per il fusto alto oltre un metro, per le foglie di forma ovale o ellittica, per i fiori di colore giallo brillante che emanano un profumo molto forte e per i frutti, dei legumi nerastri contenenti dei piccoli semi. Le parti del meliloto utilizzate in erboristeria e in omeopatia sono le foglie e i fiori; questa pianta medicinale è costituita da cumarina, flavonoidi, tannini e sapogenine e le sue azioni principali sono quelle digestive, antispasmodiche, sedative e astringenti.

Le sommità fiorite del meliloto contengono la cumarina che, oltre a conferirgli un caratteristico odore di fieno, è anche la causa delle proprietà sedative e antispasmodiche di questa pianta; per godere appieno di queste caratteristiche bisogna assumere il meliloto sotto forma di infuso, utilissimo, tra l’altro, per conciliare il sonno, per calmare le irritazioni nervose e in caso di mal di testa, nevralgie e disturbi dell’intestino.

L’infuso di meliloto è utile anche in caso di palpitazioni, di difficoltà digestive e di insonnia; inoltre, possiede anche delle buone proprietà diuretiche. Il meliloto è usato nella medicina popolare come balsamico espettorante, grazie anche al suo sapore aromatico e gradevole, per alleviare gli stati di insonnia nei bambini e negli anziani, esattamente come la camomilla.

Il meliloto può essere usato sia internamente che esternamente per curare le emorroidi, le vene varicose, le ulcere delle gambe e nella profilassi delle stasi linfatiche e della trombosi, grazie all’azione della cumarina che è in grado di aumentare l’ossigenazione dei tessuti e di accelerare i processi di cicatrizzazione. A livello topico, il meliloto viene utilizzato come astringente ed usato per preparare colluttori e colliri, infine, con soluzioni a base di meliloto possono essere lavate anche ulcere della pelle e ferite.

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.