Orto in spazi pubblici, il progetto Incredible Edible di Todmorden

di Valentina

L’orto urbano, che viene coltivato sfruttando gli spazi pubblici è una delle idee migliori che possono essere state partorite in agronomia. Una cittadina intera così organizzata ed praticamente autosufficiente vi sembra un’utopia? Beh, questo significa allora che non conoscete Todmorden. E il progetto Incredible Edible.

Si tratta di una piccola cittadina dell’Inghilterra dove gli abitanti coltivano ortaggi di ogni tipologia nelle aiuole del proprio paese. La cosa più bella è che nel giro di pochi anni riusciranno a diventare completamente autosufficienti dal punto di vista dell’approvvigionamento alimentare in tal senso grazie alla collaborazione di ogni cittadino che lavora la terra e sfrutta le sue risorse in modo eguale e solidale. Cipolle, lattuga, carote, patate ed ogni ortaggio di stagione. Ancora fragole, albicocche e erbe aromatiche: non manca davvero nulla in questi orti cittadini.

L’obiettivo è quello di essere completamente autosufficienti per ciò che concerne frutta e verdura entro il 2018.Un obiettivo che Incredible Edible ha già quasi del tutto archiviato, nella completa armonia di coloro che vi lavorano. Sono diversi i luoghi di Todmorden considerabili speciali: di sicuro le zone coltivate che più riscuoto “interesse” dai turisti che si trovano a passare per la cittadina vi sino la stazione di polizia, un frutteto di 200 alberi in centro città ed il cimitero. Quest’ultima scelta farà forse un po’ sussultare ma dovete ammettere che si tratta di una scena davvero incredibile.

Questa iniziativa è stata seguita da altre 21 simili in altrettanti comuni in Gran Bretagna ed alcuni paesi in Spagna, Germania, Canada ed Hong Kong hanno fatto altrettanto o si stanno preparando in tal senso. In novembre la cittadina ha inaugurato The Incredible Edible Aqua Garden, dove si tenterà di coltivare ortaggi con il metodo idroponico. Se siete interessati, visitate il loro sito: la comunità sta preparando anche un libro dove l’intera esperienza verrà spiegata. A noi intriga parecchio… ed a voi?

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.