Pianta dei capezzoli, portafortuna a Capodanno

di Valentina

Una pianta portafortuna a Capodanno che sia originale? La solanum mammosum, conosciuta volgarmente come “pianta dei capezzoli” ci sembra la scelta più adatta per una festività sopra le righe e delle decorazioni davvero all’avanguardia.

Mettiamo da parte un attimo il vischio e dedichiamoci a questo esemplare originario dell’oriente e parte integrante della tradizione cinese: per quanto possa sembrare  “esagerato”, per l’idea che si ha della sua influenza sulla vita e sulla quotidianità è praticamente soggetto a devozione in Cina. Tutto questo nonostante la pianta dei capezzoli sia velenosa in ogni sua parte e presenti spine acuminate anche sulle foglie.  I suoi frutti, che passano da uno stupendo color giallo oro ad un arancio acceso, sono considerati perfetti per creare delle decorazioni di Capodanno con le quali abbellire casa ed attirare la fortuna all’interno della stessa.

Nelle case cinesi, di solito in corrispondenza con il loro Capodanno, essi vengono inseriti in composizioni eleganti dentro a ciotole decorate, o vengono creati dei piccoli alberelli con i quali si omaggiano anche i morti. Per chi fosse interessato a questa pianta vi è una buona notizia: il solanum mammosum è facilmente coltivabile sul balcone anche in Italia. Come il nome scientifico vi avrà fatto comprendere, si tratta di una pianta della stessa famiglia di pomodori e melanzane. L’importante è preservarla dal freddo e dal gelo, tenendola all’interno dell’abitazione nel periodo più freddo e trasportandola fuori con l’arrivo del caldo della primavera.

In modo tale da avere la possibilità, anche qui in Italia, di sfruttare la sua capacità di portare fortuna.

Photo Credits | lzf / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.