Piantare un albero per ogni nuovo nato, la legge è entrata in vigore il 16 febbraio

di gianni puglisi

Pensate che bello se fossero piantati più alberi; quello che appare come un sogno ben presto diventerà realtà grazie alla legge che è entrata in vigore il 16 febbraio e che obbliga tutti i Comuni sopra i 15mila abitanti a piantare un albero per ogni nato registrato all’anagrafe oppure per ogni bambino adottato.

Insomma: una normativa che aiuta l’incremento di alberi e che serve a incentivare gli spazi verdi urbani; in realtà questa legge esiste da oltre vent’anni, dato che l’obbligo di piantare un albero per ogni neonato era stato introdotto in Italia già nel 1992 con la legge Cossiga-Andreotti n.113.

Adesso, per assicurarne l’effettivo rispetto, è entrata in vigore la legge numero 10 del 14 gennaio 2013, che introduce modifiche alla precedente normativa e che si pone di rispettare l’obbligo della piantumazione di un albero per ogni nato. Tra le modifiche effettuate alla precedente legge c’è che il dovere non interessa più tutti i comuni ma solo quelli che hanno più di 15mila abitanti ed è esteso sia ai nuovi nati che ai bambini adottati.

Un’altra modifica riguarda i tempi, ossia la piantumazione dovrà avvenire tra i sei e i dodici mesi dalla nascita o dall’adozione e nonostante il tasso di natalità italiano sia piuttosto basso, dovrebbe servire a contrastare la perdita delle zone verdi nel nostro Paese, anche considerando il fatto che, secondo l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) essa è quantificabile in otto metri quadrati al secondo.

A vigilare sull’effettivo rispetto della normativa sarà l’apposito Comitato per lo sviluppo del verde pubblico istituito presso il Ministero dell’Ambiente e, in più, i comuni dovranno comunicare tutte le informazioni sul tipo di albero scelto, il luogo in cui è stato piantato e presentare annualmente un censimento di tutte le piantumazioni.

Sempre nell’ottica della salvaguardia del verde pubblico, la legge entrata in vigore lo scorso 16 febbraio introduce anche norme per la tutela degli alberi monumentali e ridefinisce la Giornata nazionale dell’albero celebrata ogni 21 novembre.

 

[Fonte]

 

Photo Credit | Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.