Piante da siepe: il Pittosporum tobira

di Gioia Bò 2

Se avete la necessità di formare una siepe nel vostro giardino, puntate sulla coltivazione del Pittosporum tobira, una pianta appartenente alla famiglia delle Pittosporacee ed originaria del continente asiatico, in particolare della Cina e del Giappone. Si tratta di una pianta arbustiva o arborea, che presenta how to get your ex boyfriend back

p://www.pollicegreen.com/foglie/4416/”>foglie obovate di colore verde scuro (arancio nella stagione invernale) e fiori riuniti in mazzetti, di colore bianco-crema, che rallegrano primavera e l'estate con il loro intenso profumo.

Lo si può coltivare anche come albero singolo, considerando che raggiunge altezze prossime ai cinque metri, oppure in vaso, dove però si manterrà in dimensioni più contenute. Resiste alle basse temperature e può dunque essere coltivato anche nelle regioni a clima freddo, pur con i dovuti accorgimenti, nel caso in cui la pianta sia particolarmente giovane. Per il resto, il Pittosporum robira non è difficile da coltivare, come dimostra la scheda che segue.

zp8497586rq
google-max-num-ads = "1">

Commenti (2)

  1. Per ottenere una siepe fitta di Pittosporum tobira che dopo tre o quattro anni diventa alta 2,5 m quale deve essere la distanza d’innesto delle piante, quanto profonda la buca e quanto alte le piantine da mettere a dimora?.

    Raffaella Iovine

    1. La distanza tra una pianta e l’altra deve essere di 50-70 cm. La buca profonda abbastanza da accogliere il pane di terra. Questo dipende dalle dimensioni della pianta che acquisti. Chiedi consiglio al vivaista che saprà darti indicazioni circa il rtimo a cui si svilupperà la pianta in base alle condizioni climatiche della zona in cui vivi. Ricorda che il Pittosporum richiede esposizioni soleggiate, al riparo dai venti.

I commenti sono disabilitati.