Sassofrasso: uso in fitoterapia

di Valentina

Spread the love

Il sassofrasso è una pianta aromatica di tipo arbustivo dal nome caratteristico e dall’aspetto molto particolare. Il suo principale utilizzo attualmente è quello di profumazione, attraverso gli oli essenziali, di saponi e materiale cosmetico in genere. Ciò non toglie che per molti anni  sia stato fatto un  largo uso di lei in fitoterapia per combattere diverse patologie. Tradizione ormai esauritasi ai giorni nostri.

Gli oli ed i principi attivi vengono estratti dalle radici e dalla corteccia della pianta. Non può essere utilizzato indiscriminatamente. Un suo sovraddosaggio può causare un repentino abbassamento della temperatura corporea e svenimento: motivazione per la quale, sebbene sia in grado di favorire la funzionalità renale con una certa solerzia, il sassofrasso non viene più utilizzato come medicinale naturale se non in piccolissime dosi, davvero infinitesimali per spingere l’organismo a “lavorare” meglio dall’esterno.

Nessun uso erboristico è previsto per i fiori o per le foglie. Le bacche attraverso le quali fruttifica sono considerate un ottimo elemento ornamentale. Il sassofrasso possiede ottime proprietà aromatizzanti, a tal punto di venire utilizzato in piccolissime dosi anche nell’aromatizzazione di alcuni alimenti. E’ una pianta caratterizzata da proprietà antisettiche, balsamiche, diuretiche, e depurative.

Sebbene in passato venisse utilizzato molto come medicinale, recentemente è l’uso esterno ad essere quello più diffuso. Anche in questo caso in quantità millesimali. Con i suoi oli, infatti, si possono fare lavaggi terapeutici e lozioni per il colpo a base di essenza in grado di eliminare il prurito degli eczemi e mantenere la pelle morbida. Un utilizzo regolare di bagnoschiuma al sassofrasso aiuta il processo di tonificazione muscolare, aiuta a combattere i dolori mestruali ed in aromaterapia è un valido aiuto contro la dipendenza da nicotina. In passato questa pianta era molto utilizzata per curare la sifilide. Attualmente è purtroppo usata, attraverso uno dei suoi principi attivi, il safrolo, per tagliare droghe psicotrope e altre sostanze illegali e stupefacenti.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.