Segnaposto e decorazioni natalizie con agrifoglio

di Sara Cattaneo Commenta

Decorare una tavola con i fiori non significa solamente pensare a un bel centrotavola o un mazzo di fiori importante: sono i dettagli che la rendono speciale, e oggi proponiamo un’idea che può aiutarci a raggiungere questo risultato, anche in ragione dell’avvicinarsi delle feste natalizie.

Ogni invitato alla nostra tavola deve sentirsi il benvenuto, ospite gradito e speciale, da omaggiare con un piccolo cadeau che a fine pranzo o a fine cena potrà portare via con sè come ricordo che lo accompagnerà ancora per diversi giorni: dei piccoli segnaposto realizzati su spugna, con diverse tipologie di fiori inserite in modo compatto, ricoperte con una decorativa lana cotta. Nelle immagini presentiamo una versione più romantica, delicata, dai colori tenui e rosati, con dell’edera rossastra ad avvolgere le roselline ramificate, e una versione più natalizia, nei toni del bianco e del rosso, con tulipani, crisantemi e ranuncoli bianchi accompagnati da bacche rosse e agrifoglio.

L’agrifoglio è una pianta meravigliosa, resistente e ornamentale, conosciuta si dall’antichità quando era considerata (e lo è ancor oggi) di buon auspicio e capace di allontanare gli spiriti malvagi. Conosciamo questa pianta soprattutto per l’uso che ne viene fatto nel periodo di Natale, poichè a dicembre di riempie di meravigliose bacche di un bel rosso intenso, ragion per cui viene spesso inserita in ghirlande e decorazioni. Nel linguaggio dei fiori significa pura e semplice verità, se serve per comunicare quindi un messaggio di affetto sincero e diretto.Se avete un agrifoglio in giardino che non ha prodotto le sue famose bacche è perchè si tratta di una pianta dioica, che cioè presenta esemplari maschili e femminili distinti: solo questi ultimi nel periodo invernale producono le bacche colorate, e le producono se in vicinanza c’è un esemplare maschile oppure se la pianta femmina è stata innestata con un rametto di pianta maschile.

 

google-max-num-ads = "1">