Significato dei fiori: la magnolia

di Valentina

Esprimersi attraverso il linguaggio dei fiori è una delle attività più belle e particolari che possano essere messe in atto. Il loro significato e la loro bellezza possono aiutarci ad esprimere i nostri sentimenti e le nostre sensazioni anche quando le parole sembrano superflue o poco adatte al contesto. Oggi parleremo di un fiore molto particolare  e grazioso, portato in Europa nel 18esimo secolo:  la magnolia.

Ha ispirato film e leggende, ma questo fiore dell’albero della famiglia delle magnoliacee non possiede solo delle caratteristiche fisiche molto dirompenti a seconda della specie di appartenenza: ha anche la particolarità di crescere in posti totalmente diversi tra loro. Parliamo di Nord e Centro America ed ancora Asia ed Himalaya. Negli Stati Uniti, ai primi del 1900 veniva considerato un fiore beneaugurante, importante per la forza di una casa quanto le fondamenta della stessa. Era quindi facile trovare in ogni giardino una pianta di magnolia.

Si racconta nelle cronache botaniche dell’epoca che per diversi anni dopo la sua importazione In Europa  essa venne coltivata in serra perché considerata una pianta molto delicata. Solo dopo qualche tempo un intrepido botanico decise di piantarla all’esterno: la sua pianta non solo crebbe forte e maestosa, ma visse per oltre 100 anni. Piccola curiosità: si tratta di una pianta di origine prestoica.

Nel linguaggio dei fiori, la magnolia è simbolo di dignità e perseveranza.

Sono diverse le leggende nate attorno a questo fiore. La più bella è senza dubbio quella delle due magnolie, la quale narra che una volta esisteva una sola magnolia, alta forte e con pochi fiori all’esterno, mentre all’interno presentava un cuore di magnolia stellata. Una era il corpo, l’altra l’anima, e fiorivano insieme dando gioia al giardino. In un giorno di pioggia l’albero fu sfiorato da una azalea gialla pastello che gli si trovava accanto.

L a magnolia non si rese subito conto che il contatto era stato involontario, e sviluppò una sorta di amore nei confronti dell’azalea, spingendo sempre di più, grazie al suo cuore “stellato” i suoi fiori a sbocciare verso l’azalea. Con il  passare del tempo la magnolia sentì il suo cuore spezzarsi e spingere per uscire… finchè non si divise in due alberi, uno di magnolia ed uno di magnolia stellata.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.