3 regole per progettare un balcone fiorito

di AnnaMaria Commenta

Sognate un balcone pieno di fiori da fare invidia ai vicini? Non serve un architetto del verde per averlo ma basta solo un o’ di buon senso e tanta creatività, insieme alla necessità di seguire alcune regole di base che sono indispensabili per ottenere un buon risultato e avere piante sempre in salute e rigogliose. Ecco quali sono le nostre 3 regole per progettare un balcone fiorito.

arredare balcone fioriture primaverili

1. Esposizione e scelta delle piante

Considerate come è esposto il vostro balcone, quali sono le zone in pieno sole e quelle che invece sono spesso all’ombra. Tenete presente anche la temperatura media esterna durante i periodi più freddi dell’anno. Tutti questi fattori sono indispensabili per la scelta delle piante che dovrete esporre e per la posizione in cui le metterete.

COME OTTENERE UN BALCONE ACCOGLIENTE

2. Estetica del balcone

Se il vostro balcone è più terrazzo, progettatelo per bene con una piantina per disporre anche eventuali sedie e tavolini. Se invece avete un classico balcone, disponete le fioriere a ringhiera con i fiori più appariscenti e rigogliosi e poi posizionate le altre piante a seconda delle loro esigenze di sole. La durata delle fioriture è un altro fattore da considerare: se mettete nelle fioriere piante che hanno una fioritura stagionale e breve, per tutto l’anno avrete solo foglie verdi o rami secchi.

SCEGLIERE LE PIANTE PER IL BALCONE

3. Irrigazione del balcone

Quando disponete le piante, dovete considerare anche l’irrigazione. Sono due le cose da tenere in conto: come portare l’acqua ai vasi e come evitare che l’acqua coli sul balcone del vicino che sta sotto. In genere un annaffiatoio è più che sufficiente e i sottovasi vi aiuteranno a contenere l’eccesso d’acqua. Se invece avete un terrazzo potete predisporre un tubo attaccato a un rubinetto dell’acqua o dei sistemi di irrigazione automatica.

google-max-num-ads = "1">