Come coltivare le more in giardino

 
Daniela
20 settembre 2013
Commenta

coltivare more Come coltivare le more in giardino

Siete amanti delle more ma non avete tempo o boschi vicini per andare a raccoglierle? Niente paura, potete sempre decidere di coltivare le more in giardino. Proprio così: le varietà di more da giardino sono molto diffuse, non necessitano di particolari cure e si caratterizzano per l’assenza di spine, inoltre potrete scegliere delle qualità in grado di produrr frutti grossi, perfetti per la produzione domestica di marmellate e dolci.

Le piante di more da giardino sono facilmente reperibili nei vivai, vi basterà acquistare due o tre piante già formate meglio se della varietà Rovo inerme o Mora nera senza spine, ovvero quelle che presentano la caratteristica di non avere le spine, adatte quindi alla coltivazione domestica. Nei vivai più forniti potrete trovare anche la varietà chiamata Rubus fruticosus blackberry, una qualità in grado di assicurare dei frutti più grandi rispetto a quelle classiche.

A questo punto non vi resterà altro che porre le piante di more a dimora; scegliete una posizione semi soleggiata e dotata di un terreno fresco e leggero, anche se in realtà queste piante riescono ad adattarsi bene a qualsiasi tipo si substrato. Al momento dell’impianto fornite alla pianta del concime naturale a base di letame oppure del concime liquido specifico.

L’ideale sarebbe porre a dimora le piante vicino a un muro o a un altro supporto che sostenga la pianta oppure, in alternativa, di usare dei paletti per sorreggerla. Durante il periodo della fioritura, che avviene in primavera, e durante quello della fruttificazione, che può avvenire da metà giugno fino a settembre, annaffiate le vostre more, pur senza esagerare, mentre in inverno potete diradare la fornitura d’acqua.

A seconda delle temperature, i frutti possono resistere fino ai primi di ottobre, ma ricordate: la raccolta deve avvenire solo quando hanno raggiunto la loro caratteristica colorazione bruna: prima risulterebbero acerbe e, quindi, dal sapore sgradevole.

 

Photo Credit | Thinkstock

 

 

google-max-num-ads = "1">
Articoli Correlati
YARPP
Erica, le specie più belle da coltivare in giardino

Erica, le specie più belle da coltivare in giardino

Amate di circondarvi di colore nel corso della stagione più fredda dell’anno? E allora puntate tranquillamente sulla coltivazione dell’Erica, una pianta arbustiva o arborea perenne, che si adatta sia alla […]

Coltivare le rose in giardino: le foto

Coltivare le rose in giardino: le foto

  Quale giorno migliore della domenica per dedicarsi al giardinaggio?  Non abbiate paura di sporcarvi le mani e lavorare la terra: le piante stesse vengono in nostro aiuto. Lo dimostra […]

Piante d’appartamento: coltivare la magnolia in vaso

Piante d’appartamento: coltivare la magnolia in vaso

Oggi vogliamo indicarvi come coltivare la magnolia in vaso. Partendo però da un presupposto tutto diverso da quello che useremmo normalmente: dato che la primavera è già arrivata e la […]

Come coltivare le carote in vaso

Come coltivare le carote in vaso

La coltivazione domestica delle carote non è difficile, potete seminarle tranquillamente in giardino, o, se non ce l’avete, all’interno di un vaso da posizionare in balcone. Per prima cosa procuratevi […]

Coltivare l’uva spina

Coltivare l’uva spina

L’uva spina (Ribes grossularia) appartiene al genere Ribes della Famiglia delle Sassifragaceae. E’ un arbusto che può avere dimensioni variabili e raggiungere altezze comprese fra 0,6o centimetri e 2 metri. […]

Lista Commenti