Piante grasse, il Melocactus

 
Gioia Bò
12 gennaio 2012
0 commenti

Tra le innumerevoli varietà di piante grasse, vale la pena citare il Melocactus, originaria del Brasile ed appartennete alla famiglia delle Cactacee. E’ caratterizzata da fusti globosi attraversati da diverse costalature, ricoperte a loro volta da spine molto robuste. Alla sommità della pianta è presente una specie di cuscinetto decorativo di colore bianco, rosa, rosso o arancio, utile a differenziare il Melocactus da altre specie simili.

Il Melocactus è una pianta facile da coltivare, purché se ne rispettino le esigenze primarie in fatto di luce, temperatura e fabbisogno di acqua. E’ importante che la pianta venga esposta in piena luce, ad una temperatura mai inferiore ai 10°C e che venga bagnata con regolarità nel corso della stagione più calda dell’anno. In inverno va tenuta tra le pareti domestiche o in serra riscaldata, mentre in primavera può essere spostata all’esterno, ma solo quando il rischio di gelate tardive è completamente scongiurato.

Photo Credit: Thinkstock

Melocactus

  • Fioritura: dalla primavera all'autunno
  • Impianto: in primavera o nel corso della stagione autunnale
  • Tipo di pianta: cactacea perenne
  • Altezza max:

Esposizione

Il Melocactus va collocato in posizione luminosa in modo che i raggi diretti del sole possano colpirla per diverse ore nel corso della giornata. Non tollera il freddo ed è per questo che va coltivata ad una temperatura superiore ai 10°C.

Terreno

Si può utilizzare un substrato specifico per cactacee o mescolare sabbia e terriccio di foglie per ottenere uno sviluppo equilibrato della pianta.

Innaffiatura

Nel corso della stagione vegetativa la pianta va irrigata con regolarità, facendo in modo che non restino ristagni idrici sul terreno. Nel corso della stagione invernale, invece, le innaffiature vanno sensibilmente diradate o addirittura sospese, se l'ambiente è rscaldato.

Malattie e avversità

La cocciniglia può compromettere lo sviluppo della pianta. Attenzione agli eccessi di umidità, che possono provocare marciume radicale e malattie fungine.

Concimazione

Nel corso della stagione vegetativa si può favorire lo sviluppo della pianta fornendo del fertilizzante liquido per cactacee, mescolato all'acqua delle irrigazioni almeno due volte al mese.

Moltiplicazione

La propagazione del Melocactus avviene per semina o per divisione di fusti laterali, lasciando che le nuove piantine abbiano il tempo di germogliare al caldo, in un contenitore con torba e sabbia umida.

Articoli Correlati
YARPP
Piante grasse, Acanthocalycium

Piante grasse, Acanthocalycium

L’Acanthocalycium è una pianta grassa perenne appartenente alla famiglia delle Cactacee ed originaria dell’America del Sud. Si tratta di una pianta caratterizzata da un fusto tondeggiante che può raggiungere i […]

Piante grasse, la Mammillaria

Piante grasse, la Mammillaria

La Mammillaria è una pianta grassa appartenente alla famiglia delle Cactacee ed originaria del continente americano (in particolare del Messico), sebbene la sua coltivazione sia ormai estesa in tutte le […]

Le piante grasse

Le piante grasse

Per quanto diffuso il termine “pianta grassa” dal punto di vista botanico non è corretto. Il termine giusto per indicare le piante i cui tessuti si presentano carnosi è piante […]

Piante grasse: il Chamaecereus silvestri

Piante grasse: il Chamaecereus silvestri

Torniamo ad occuparci di piante grasse, fermandoci ad ammirare un esemplare di Chamaecereus silvestri, magnifica pianta appartenente alla famiglia delle Cactacee ed originaria delle montagne argentine. E’ caratterizzata da fusti […]

Piante grasse: il Notocactus

Piante grasse: il Notocactus

Tra piante grasse maggiormente diffuse alle nostre latitudini ci preme ricordare il Notocactus, pianta appartenente alla famiglia delle Cactacee ed originaria dell’America del sud (in particolare Argentina, Brasile ed Uruguay). […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento