Semine di gennaio: piantare le fragoline di bosco in vaschetta

 
Valentina
25 gennaio 2012
Commenta

coltivare in terrazzoGennaio è un mese molto freddo. Nonostante ciò le giornate cominciano a riallungarsi, e ci si può dedicare a qualche esperimento di botanica se si ha il pollice verde e la passione per l’avventura. Le ore di luce che questo mese regala rispetto a quello passato possono essere utilizzate per destreggiarsi con una semina in casa interessante e fruttuosa: quella delle fragoline di bosco.

Una scelta dettata anche dalla possibilità, con l’arrivo della stagione più calda, di godere di un frutto sfizioso da assaggiare. Quando parliamo di fragoline di bosco intendiamo quel frutto che in latino, nel suo nome botanico è conosciuto come fragraria vesca. Per riuscire nel nostro intento abbiamo bisogno di una bella finestra luminosa ed un angolo di casa riscaldato bene. Questo perché le piantine hanno bisogno di tutto il calore e la luce possibile.

Il 23gennaio è iniziato il periodo di luna nuova: un periodo ottimale per provarci questo, dato che la semina in luna crescente ha più possibilità di successo. Per seminare le fragoline di bosco bastano anche le vaschette di plastica delle verdure se non possedete un vaso, l’importante è che possano contare su un sottovaso e sul giusto terreno. In questo caso le opzioni sono due. Si può utilizzare del semplice terriccio (il quale dovrà essere preceduto da uno strato di palline di argilla espansa, n.d.r) o delle pastiglie di torba pressata che bagnate formano come dei piccoli “sacchetti” da utilizzare per ospitare al massimo due o tre semi.

Se vi avvalete del terriccio basta creare con una matita nella vaschetta due righe di scavo ponendoci con attenzione i semi e ricoprendo il tutto con del terriccio che dovrà poi essere nebulizzato con dell’acqua. Fatto ciò, bisogna coprire il vaso o la vaschetta utilizzati con della pellicola trasparente. Non resta quindi altro da fare che esporre alla luce ed al calore la vostra semina. Saranno infatti il calore , la luce e l’umidità a risvegliare le piante. Una volta che la pianta avrà fatto capolino, almeno una volta al giorno, per un’oretta togliete la pellicola onde evitare un eccesso di umidità. Appena le piante l’avranno raggiunta eliminatela definitivamente.

Con l’arrivo della bella stagione… potrete cogliere i vostri frutti. Importante: se le avete piantate in una vaschetta, una volta passato il gelo, potrete trapiantarle in un vaso ed iniziare ad esporle all’aria aperta.

Photo Credit | Thinkstock

Articoli Correlati
YARPP
Semina di gennaio: le carote rotonde in vaso

Semina di gennaio: le carote rotonde in vaso

Tra i lavori di gennaio fino ad ora da noi elencati, gli ortaggi hanno avuto un ruolo presente ma marginale. Abbiamo infatti quasi sempre affrontato tematiche relative alla preparazione dell’orto. […]

Lavori di gennaio: piantare nuove piante nel frutteto e nel giardino

Lavori di gennaio: piantare nuove piante nel frutteto e nel giardino

Ieri abbiamo fatto il punto della situazione. Oggi torniamo a parlare dei lavori di gennaio è ciò che bisogna ed è possibile fare per avere un giardino ed un frutteto […]

Semine di Gennaio, i finocchi

Semine di Gennaio, i finocchi

Il finocchio (Foeniculum vulgare) è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Apiaceae coltivata per la produzione del grumolo commestibile, costituito dalle guaine fogliari strettamente pressate attorno a un piccolo […]

Semine di Gennaio, i Porri

Semine di Gennaio, i Porri

Quando seminare i porri Il porro (Allium porrum) è una pianta erbacea appartenente, come aglio e cipolla, alla famiglia delle Alliaceae. Originario dei paesi del bacino mediterraneo era già noto […]

Semine di gennaio, i peperoni

Semine di gennaio, i peperoni

Quando seminare i peperoni Il peperone (Capsicum annuum) è una pianta appartenente alla famiglia delle Solanaceae coltivata per il consumo dei frutti (bacche) commestibili. Alla semina dei peperoni si può […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento