Quali fiori e ortaggi si possono piantare a gennaio

di Redazione

Anche in pieno inverno, nonostante il clima rigido, è possibile dedicarsi alla cura del giardino e dell’orto e dovete assolutamente approfittarne se vivete in zone con un clima mite non troppo sottoposte alle gelate invernali.

Se pianterete alcuni ortaggi in gennaio, in primavera potrete cominciare a raccogliere i frutti e avrete anche uno straordinario giardino o balcone fiorito. I fiori che si possono piantare in gennaio sono le varietà bulbose come il ciclamino, che resiste bene al freddo e fiorisce anche in inverno, il narciso, ma anche i tulipani – che però sarebbe preferibile piantare verso la fine di gennaio – e il bulbo del narciso. Per un risultato ottimale interrate i bulbi non troppo in profondità – 5 massimo 10 cm bastano – e di innaffiate molto per i primi giorni.

Se invece volete preparare il vostro orto alla semina dovete aspettare la fine del mese di gennaio, periodo in cui le gelate cominciano ad allontanarsi. Piante come i peperoni, le melanzane, il basilico, il prezzemolo o la rucola si possono piantare in inverno ma dovete fare molta attenzione a proteggere le piante dal gelo con dei teli appositi che le proteggano dal vento gelido e dal ghiaccio. Se invece avete a disposizione un semenzaio, potete iniziare la coltivazione delle piante e poi travasarle sul terreno o nei vasi più grandi all’inizio della primavera.

Qui un elenco delle principali piante e dei fiori che è possibile seminare in gennaio:

  • Basilico
  • Carote
  • Cipolle
  • Crescione
  • Erba Cipollina
  • Melanzane
  • Peperoni
  • Rucola
  • Radicchio
  • Ravanelli
  • Prezzemolo
  • Timo
  • Porri
  • Piselli
  • Tulipano
  • Narciso
  • Ciclamino
  • Viola
  • Amarillis
  • Primula

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.