Perchè ci si bacia sotto al vischio?

di Redazione

Il vischio è la pianta di capodanno per eccellenza, famosa per i baci che ci si deve dare quando si passa sotto ad una pianta o rametto di vischio, strategicamente posizionato sotto ad una porta. Ma questa tradizione da dove deriva? E soprattutto, perchè il vischio è considerato un porta fortuna? La storia del vischio è antica, le prime tracce si hanno nella mitologia nordica, secondo cui il vischio è la pianta sacra a Freya, la dea dell’amore.

La dea dell’amore aveva due figli, Balder, buono e generoso, e Loki, cattivo e invidioso, intenzionato ad uccidere il fratello: la madre cercò con tutte le sue forze di proteggere il figlio buono, chiedendo aiuto a tutte le creature della natura, ma si dimenticò del vischio. Loki allora usò proprio questa pianta per fabbricare una freccia che uccise Balder. Appena visto il cadavere del figlio la dea iniziò a piangere e le sue lacrime si trasformarono nelle bacche bianche che riportarono in vita il ragazzo.

Fu a questo punto che Freya iniziò a baciare tutti coloro che passavano sotto alla pianta del vischio, per la felicità del ritorno in vita del figlio, ormai creduto morto. Ecco che da allora è nata la tradizione di baciarsi ogni volta in cui ci si trova a passare o sostare sotto ad un rametto di vischio! Pare sia un porta fortuna, dato che tutti coloro che venivano baciati dalla dea erano protetti e amati da tutti. Il vischio è considerata una pianta sacra in molte culture, anche in quella dei druidi: e voi siete pronti a farvi baciare, ed a baciare quando troverete un rametto di vischio?

Foto credit Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.