Bulbi a fioritura estiva: ecco quelli che richiedono poche cure!

di Samantha Nunziati

La stagione buona possiamo dire che è già iniziata e proprio per questo oggi vogliamo parlarvi dei bulbi a fioritura estiva che hanno bisogno di pochissime cure. In particolare non richiedono molte innaffiature e quindi sono anche più semplici da coltivare. Ma vediamo nel dettaglio quali sono questi bulbi.

1. Agapanto

Con una sola radice di agapanto si riesce a sviluppare una pianta di circa un metro diametro. Questo esemplare è una perenne appartenente alla famiglia delle Liliacee ed è originaria del Sudafrica.  I suoi fiori sono bluastri e ci sono anche varietà che hanno un colore bianco, possono raggiungere i 60 cm di altezza. Il suo fogliame è molto decorativo. Solitamente i bulbi si trapiantano in questo periodo a circa 5 cm di profondità. Hanno bisogno di pieno sole e nelle prime settimane le innaffiature devono aver luogo ogni sette giorni circa. Per un’ottima fioritura ogni due, tre settimane conviene fertilizzare la pianta.

2. Canna

La canna indica è tra le più conosciute del genere Cannaceae ed è di origine tropicale. I suoi fiori solitamente hanno colori caldi che vanno dal giallo al rosso passando per l’arancio, solitamente sui petali troviamo delle macchioline pigmentate di tonalità più scura. Ha bisogno di essere esposta a pieno sole ed anche di molte concimazioni organiche. I bulbi vanno piantati a circa 10 cm di profondità e nella settimana di piantagione andrebbe innaffiata due volte poi solamente un goccio d’acqua se il clima estivo dovesse essere torrido.

3. Crocosmia

La crocosmia è una pianta dai fiori molto particolari, infatti ha lunghe infiorescenze a spiga arcuata con fiorellini campanulati, le quali arrivano perfino ad un metro di lunghezza. Anche i colori della crocosmia variano dal giallo al rosso, è originaria delle zone tropicali africane. I bulbi della pianta devono essere piantati in questo periodo e necessitano anch’essi di molta luce quindi è preferibile collocarli in zone molto soleggiate. Le prime settimane è preferibile innaffiarle due volte ogni sette giorni ed ogni venticinque è consigliabile concimarle. Molti coltivano la mombrezia anche in terrazzo quindi si adatta proprio alle esigenze di tutti!

Photo Credits | Graham Whiles / Shutterstock.com

Photo Credits | WICHAI WONGJONGJAIHAN / Shutterstock.com

Photo Credits | Heidi Price / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.