Calabrone, insetto utile

di Valentina

Il calabrone, pur non essendo un parassita, non raccoglie particolarmente il plauso dell’essere umano. Esso è un insetto utile perchè contribuisce, spesso attirato dall’odore dei fiori e dagli insetti che si trovano sugli stessi, alla loro impollinazione. Ma è considerato pericoloso a causa delle possibili reazioni del corpo umano alla sua puntura.

E’ innegabile che la puntura di un calabrone, come quella delle vespe, sia il vero danno che questo insetto è in grado di causare. Arrossamento, dolore della parte colpita ed nei casi più gravi addirittura reazioni allergiche molto potenti e shock anafilattico. Tutti questi disturbi, l’ultimo potenzialmente mortale, fanno spesso dimenticare che il calabrone è un predatore di insetti e che quindi la sua presenza può aiutare le piantagioni a liberarsi di alcuni parassiti che le colpiscono. Identificarlo non è poi così difficile. il calabrone è infatti la più grande specie di vespa presente nel nostro continente,è dotata di un corpo massiccio di colore giallo, nero e ruggine, quasi glabro, al quale si aggiungono delle zampe robuste. Le sue dimensioni vanno da 2,5 cm a 3,5 cm e possiedono un pungiglione liscio che consente loro di pungerci più volte senza problemi.

E’ un insetto predatore che non si fa problemi a cibarsi di altri dello stesso genere e delle sue dimensioni. Il suo ciclo biologico è molto semplice. Esso costruisce di solito il nido in alberi cavi o in cavità sotterranee. Non disdegna nemmeno i solai. Le cellette esagonali sono organizzata in una serie di piani paralleli e la apertura del nido è sempre rivolta verso il basso. E’ rivestito di un materiale simile a carta, creato direttamente dagli insetti. Un singolo nido può arrivare a contenere anche 5mila cellette nelle quali vivono la regina, le operaie e le femmine fecondabili. Attenzione, sono queste gli insetti più importanti perchè sono le uniche che svernano. La regina che ha riprodotto  e le operaie insieme ai maschi che hanno fecondato infatti muoiono.

Photo Credit | Muenster

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.