Camelia, il fiore della bellezza perfetta

di Redazione

Spesso siamo portati a pensare che la Rosa sia la regina indiscussa del nostro giardino, dimenticando che esistono delle piante altrettanto eleganti che potrebbero tranquillamente contenderle lo scettro (o il trono), come ad esempio la Camelia (o Camellia). originaria dell’area asiatica e appartenente alla famiglia delle Theacee.

Si tratta di una pianta dalla straordinaria bellezza, che regala una fioritura costante dalla primavera all’autunno, sia nella coltivazione in piena terra che in quella in vaso, al’interno dei nostri appartamenti.

Deve il suo nome a G.J. Camel che la introdusse in Europa nel 1700, ma per la sua diffusione bisogna ringraziare lo scrittore Dumas ed il suo romanzo, La signora delle Camelie, che contribuì a circondare tale pianta di un’aurea di nobiltà ed eleganza.

Ma veniamo all’argomento che più interessa noi di PolliceGreen e – immaginiamo – voi, giardinieri esperti o principianti: come coltivare nel miglior modo possibile una pianta di Camelia? Come detto, può essere collocata sia in giardino che in casa, purché se ne rispettino i bisogni primari. La Camelia, infatti, ama la luce, ma non i raggi diretti del sole, mal sopporta il vento ed è nemica delle gelate notturne.

Nel caso si decida di piantarla in piena terra, sarà opportuno proteggere l’apparato radicale (la parte più delicata della pianta) con una buona pacciamatura, composta di foglie secche e segatura. Se invece si sceglie la collocazione in vaso, la Camelia può restare tranquillamente all’aperto da maggio ad ottobre, per poi essere riparata nel periodo più freddo dell’anno.

Molto importante è il dosaggio di acqua, abbondante durante la fioritura (sempre evitando i ristagni) e più diradato nella stagione fredda. Di fondamentale importanza è anche la concimazione con materiale stallatico o con sangue secco di bue (farina di sangue).

E concludiamo con il rinvaso, che deve essere effettuato frequentemente nei primi anni di vita, servendosi di contenitori via via più grandi, per favorire lo sviluppo della pianta.

Commenti (8)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.