Coltivare l’aglio nell’orto

di Redazione

L’aglio è una pianta bulbosa che tutti noi possiamo coltivare direttamente nell’orto o anche sul terrazzo di casa, molto utile in cucina per tante gustose ricette ed anche per medicinali omeopatici stante le sue proprietà antibatteriche. Per prima cosa precisiamo che la pianta dell’aglio necessita di terreni fertili e ben drenati: niente ristagno di acqua quindi, e niente umidità che potrebbe favorire l’insorgenza di funghi e parassiti.

I periodi da preferire per la sua semina sono  principalmente due: da fine novembre a dicembre e da fine febbraio a tutto marzo. Come fare per una coltivazione perfetta dell’aglio? Dopo aver preparato il terreno togliendo erbacce e sassi, seminate l‘aglio a file regolari, distanti una cinquantina di centimetri l’una dall’altra, e lasciando circa quindici centimetri da pianta a pianta. La concimazione dovrà avvenire nel periodo primaverile con un concime apposito che dovrà contenere molto potassio.

Se non avete a portata di mano i semi della pianta ma un aglio intero, nessun problema,in quanto potrete piantare direttamente i bubilli, ovvero gli spicchi singoli: in questo caso la profondità dovrà essere di una decina di centimetri, con al punta dello spicchio rivolto verso l’alto. Per questa tipologia di semina preferite il periodo invernale per ottenere i migliori risultati.

Foto credits: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.