Coltivazione dello zafferano: suggerimenti e tecniche

di Filomena D'Aniello

Spread the love

Lo zafferano è una spezia, che si ottiene dalla coltivazione di un bulbo, il crocus sativus. Il fiore di questa pianta è sterile, per cui, l’unica metodologia di riproduzione, è la moltiplicazione dei bulbi. La coltivazione della pianta di zafferano, segue un ciclo annuale: dai bulbi che sono impiantati nel terreno, crescono delle spate da cui fuoriescono foglie filiformi di un verde intenso e fiori viola dai cui stimmi si ricava la spezia. I fiori della pianta spuntano in autunno, seguendo questo ciclo fino alla primavera, quando la pianta entra nella fase del riposo vegetativo.

 

Lo zafferano richiede un terreno particolarmente fertile e drenante: l’acqua e i ristagni, tendono favorire a proliferazione il marciume radicale che potrebbe indebolire la pianta e seccarla. Per questo motivo, è sempre consigliabile scegliere un terreno in pendenza, che lasci scivolare l’acqua piovana e che favorisca in questo modo un ottimo drenaggio del terreno. Per quanto concerne il clima, lo zafferano può essere considerato molto resistente agli sbalzi termici: la sua coltivazione, è possibili sia in zone secche e calde, che in zone particolarmente umide e fredde. Necessita però, di una costante esposizione ai raggi solari.

 

Esistono due tipi di coltivazioni per lo zafferano: quella annuale e quella poliennale. Il vantaggio della coltivazione annuale, è quello della conservazione della pianta: essa infatti, viene costantemente ripulita da erbacce e agenti infestanti, per cui, è garantita la sua sicurezza nel tempo. Lo svantaggio però, sta nel dover necessariamente impiantare ed espiantare i bulbi ogni anno. La coltivazione poliennale invece, è più comoda perché non richiede una costante attenzione verso la crescita e lo sviluppo della pianta, ma di contro, la mancata pulizia del terreno, può comportare maggiori probabilità per la pianta di contrarre malattie fungine. Questo, tende a svalutare questa coltivazione, perché i bulbi della pianta di zafferano, hanno un costo abbastanza alto, e la perdita della coltivazione, sarebbe dispendiosa, soprattutto se è per orto o per terreni molto ampi.

 

La pianta di zafferano non richiede particolari accorgimenti: le irrigazioni possono essere ridotte al momento in cui vengono impiantati i bulbi e poi ridotte gradualmente, poiché la stagione in cui avviene questa operazione è quella autunnale delle piogge. Inoltre, bisogna pulire il terreno dalle erbacce che possono causare problemi quali malattie fungine. Inoltre è molto importante che lo zafferano non venga messo a dimora nello stesso terreno per almeno cinque anni, perché anche questo potrebbe causare lo sviluppo di malattie fungine che potrebbero danneggiare la coltivazione.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.