Come conservare i vasi in terracotta

di Giulia Tarroni

Nella stagione invernale le piante sono solitamente rintanate in serre o riparate sui balconi, per tenerle lontane dal freddo e dal gelo: ma cosa fare dei vasi in terracotta che le contengono e che si riveleranno utili per i trapianti primaverili? Ecco come conservare i vasi in terracotta, per fare in modo che con l’arrivo della bella stagione possano essere utilizzati e siano come nuovi.

Soluzioni di acqua, aceto e limone per pulirli

Se i vasi sono macchiati di erba (verde) o opachi ecco che potete procedere con una bella spazzolata con acqua e limone: mettete la soluzione in un secchio, immergeteci il vaso e spazzolate in maniera energica fino a quando la macchina non sarà scomparsa: vedrete che anche la colorazione del vaso avrà tutta un’altra luce! In alternativa li potete anche lavare in una soluzione di acqua e aceto, uno dei metodi della nonna più efficaci di sempre!

Conservarli lontano dal freddo e dal gelo

Per la loro conservazione, in un luogo riparato, meglio inserirli in dei sacchi. Preferite i sacchi di iuta, che li proteggeranno da freddo, luce e umidità, oppure anche dei teli in TNT, utilizzati anche per la conservazione delle piante. Abbiate cura poi di conservarli lontano dal gelo, in quanto si potrebbero spaccare o crepare, diventando di fatto inutilizzabili. Vedrete che in primavera i vostri vasi in terracotta saranno perfettamente conservati, pronti ad accogliere le nuove piante che dovranno essere trapiantate. Nel caso in cui si siano spaccati niente paura: li potete riparare con un pochino di stucco, da stendere con cura.

foto credit Shutterstock | Nattrapol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.