Erbe infestanti, come eliminarle con metodi naturali

di gianni puglisi

Con la primavera le piante si risvegliano, purtroppo anche quelle infestanti che spuntano nel prato e nelle aiuole; le erbe infestanti possiedono delle radici a fittone molto profonde che sono piuttosto difficili da togliere, ma sulle quali bisogna intervenire il prima possibile in quanto hanno una velocità di crescita e di propagazione molto elevata, intervenendo a mano, con un estirpatore oppure con dei prodotti chimici specifici.

Prima di ricorrere ai prodotti chimici diserbanti, vediamo com’è possibile eliminare le erbe infestanti con dei metodi naturali. Il primo metodo è quello di usare il sale, un potente rimedio contro le malerbe: basta scavare delle piccole buche accanto alle erbe infestanti, soprattutto nelle zone nelle quale si diramano le radici, riempirle di sale e vedrete che in breve tempo deperiranno e non si ripresenteranno per diverso tempo; attenzione però, a non avvicinarvi troppo alle altre piante perché correreste il rischio di danneggiarle.

Sempre il sale, ma con l’aiuto dell’aceto, il protagonista di un diserbante ecologico molto efficace: riempite un secchio da 5 litri con dell’acqua calda, versatevi un chilo di sale fino e mescolate fino a farlo sciogliere del tutto; a quel punto unire un po’ di aceto di vino e mescolate per far diventare il composto omogeneo e poi versatelo nei pressi delle infestante come un qualsiasi diserbante: il sale unito all’aceto, eliminerà in breve tempo tutte le malerbe.

Un altro rimedio contro le infestanti è quello di sciogliere in acqua bollente del detersivo liquido per piatti e di versarlo direttamente sulle infestanti, o ancora, si può spruzzare della candeggina direttamente sull’erbaccia: questi due metodi sono particolarmente utili per eliminare i ciuffetti di infestanti che si formano tra le spaccature del cemento; fate attenzione a non contaminare le altre piante con la candeggina, e se dovesse succedere, lavatela con abbondante acqua.

Infine, se la zona colpita da infestanti è particolarmente estesa, potete usare la carta di giornale; prendete dei quotidiani e coprite con vari strati, minimo quattro, le zone nelle quali si trovano le erbacce e fissateli con dei sassi: in questo modo priverete le malerbe dell’elemento essenziale per la loro sopravvivenza, ossia la luce; una volta secche, quindi, intervenite con un estirpatore manuale per rimuoverle in profondità.

 

Photo Credit: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.