Fiori, come far durare a lungo quelli ricevuti a San Valentino

di Valentina

Spread the love

Se siete delle donne e potete contare su un compagno od innamorato dolce ed attento, sicuramente accanto al vostro letto al momento sarà posto un bel mazzo di fiori recisi regalatovi per San Valentino. Con altrettanta probabilità però, è da ieri che vi interrogate sul metodo migliore per conservarne oltre che il ricordo, anche il bouquet od il singolo fiore. Scopriamo insieme come fare.

Le strade da perseguire sono essenzialmente due: si può decidere se far essiccare la pianta e conservarla come fiore secco e far durare a lungo il fiore reciso nella sua interezza all’interno del vaso.

L’essiccazione è forse la scelta più azzeccata in termini di durata. Una volta che il fiore verrà sottoposto ad una delle tecniche di essiccamento,  la durata dello stesso è praticamente eterno. Si tratta di un metodo infallibile (lo sottolineo per esperienza personale) da applicare sulle rose. Anche se solo in forma di bocciolo. Per non rovinarne la forma, vi suggerisco di mettere in un luogo luminoso e non umido un pezzo di carta assorbente e poggiarvi il bocciolo.  Se non avete la possibilità di agire “chimicamente”, la mancanza di umidità ed i raggi di sole faranno tutto da soli.

Vi è poi la possibilità di allungare il più possibile la vita dei fiori regalativi posti in un vaso agendo direttamente sul fiore. La prima cosa da tenere a mente è la necessità di cambiare l’acqua ogni giorno, in modo che sia sempre fresca e pulita. Poi è necessario accorciare il gambo tagliano almeno i 3-4 centimetri finali, senza usare però delle forbici che schiaccerebbero i canali di transito dell’acqua e quindi del nutrimento. Meglio un taglio trasversale effettuato con un coltello molto affilato.

Se possibile evitate l’esposizione a correnti d’aria calda o fredda e la luce diretta. E se siete bravi a “pasticciare” con la chimica, potete sciogliere nell’acqua del vaso un’aspirina o 3-4 gocce di candeggina per litro, in modo di evitare qualsiasi proliferazione batterica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.