Giardini verticali: soluzione a tetto e a parete

di Valentina

I giardini verticali, conosciuti anche sotto il nome di “muri verdi” sono forse una delle migliori innovazioni “green” degli ultimi tempi: essi consentono di sfruttare spazi inusuali per far crescere le piante. Vediamo insieme le due soluzioni più utilizzate: quella a tetto e quella a a parete.

Iniziamo subito con il dire che entrambe sono valide e funzionali in quanto a coltivazione di piante. Quel che è importante verificare è la reale capienza dei muri che si vogliono utilizzare e come lo si vuole fare.

Soluzione a tetto

La soluzione “a tetto” è perfetta per gli edifici che hanno una grande superficie di copertura superiore. Ovviamente è necessario calcolare bene il carico ulteriore che viene apportato sull’edificio. Motivazione per la quale si possono addirittura scegliere due ulteriori soluzioni, quella di una coltivazione intensiva ed quella estensiva con le conseguenti differenti piante. Di solito quando di sceglie una soluzione a tetto estensivo si punta su piante grasse, graminacee e muschi mentre l’intensivo punta più su arbusti, prati.

Soluzione a parete

La soluzione “ a parete” è basata tutta sulle necessità strutturali dell’edificio che si vuole cambiare. Questo perché si può agire attraverso l’inverdimento di tutta la facciata così come muoversi attorno a soluzioni di tipo artistico-naturale. Le pareti verdi possono essere infatti discontinue o seguire un determinato disegno. Di solito sono soluzioni prese in considerazione per ridurre l’impatto ambientale o creare delle barriere di tipo acustico. O più semplicemente per coprire delle spoglie mura di cemento armato migliorandone l’estetica.

Di solito questa è una scelta presa direttamente dai proprietari dei caseggiati che la vedono come un’occasione perfetta per riqualificare la struttura e la zona circostante. Questo porta, tra l’altro, anche alla creazione di microclimi molto buoni all’interno del palazzo stesso. Ovviamente per questo tipo di soluzioni è consigliato l’utilizzo di piante da esterno in grado di sopportare gli agenti atmosferici.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.