Infiorata: le regole base

di Valentina

 L’infiorata rimane una delle opere artistiche basate sui fiori tra le più belle naturalmente esistenti. Si tratta di una tradizione nata nella Roma papalina rinascimentale e man mano espansasi in tutto il mondo, oriente compreso. Oggi scopriremo le regole base della costruzione di un infiorata, a prescindere che rappresenti una singola scena o riguardi un intero viale cosparso di storie fiorite. Il focus è rappresentato dal fiore e da tutte le componenti vegetali.

Si tratta di un lavoro faticoso e lungo, ma i risultati, basti pensare all’infiorata di Spello o Genzano, sono tutt’altro che deludenti.

Qui daremo ovviamente indicazioni generali: è pacifico che i paesi che ancora si esprimono attraverso questa magnificente arte floreale potrebbero “aggiungere” o “togliere” qualcosa da questi passaggi.

Partiamo dalla materia: ovviamente tutto il materiale deve provenire dal mondo vegetale.  La lista di fiori comunemente utilizzati è abbastanza ampia, data la necessità di coprire il più possibile una vasta gamma di colori per le raffigurazioni I pià utilizzati sono i seguenti: fiordaliso, rosa, garofano, papavero, finocchio, veccia, iris, ginestra, sambuco, margherita, tarassico, cardo, salvia, linaria, calendula, anemone, magnolia, cipollone, gaggia, fico, quercia, noce, cipresso, pino, orchidea selvatica.

Potrà sembrare un elenco eccessivamente ampio ma va sottolineato come debba essere resa possibile una raffigurazione il più possibile reale di ciò che si tende a riprodurre.  A livello tecnico, la lunghezza dell’infiorata non deve essere minore di 12 metri. E deve essere lasciato almeno un metro dal bordo della strada da ambo i lati per favorire non solo la visione dell’opera, ma soprattutto il passaggio alle persone.

Ovviamente, una volta assimilate le regole base, la preparazione della infiorata è la parte più emozionante: quasi più dello stesso risultato finale. Essa inizia con la riproduzione dei disegni sulle sezioni che ogni gruppo di partecipanti ha in assegnazione e si conclude quando ogni petalo o fiore è stato posto all’interno del disegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.