Issopo, usi e proprietà

di gianni puglisi

L’Issopo è una pianta aromatica della famiglia delle Lamiaceae, nota fin dall’antichità per le sue proprietà terapeutiche e per il suo uso in cucina; questa pianta è originaria dell’Europa del sud e dell’Asia occidentale, ma cresce spontaneamente soprattutto nelle zone montane dell’Italia del nord.

L’issopo, il cui nome botanico è Hyssopus officinalis, contiene oli essenziali, tannini, glucosidi e flavonoidi; viene usato per sedare la tosse, l’asma, il raffreddore, il catarro bronchiale per calmare il raffreddore e per stimolare la secrezione dei succhi gastrici, oltre a favorire i processi digestivi e ad eliminare i gas intestinali.

Secondo la tradizione popolare, l’issopo sarebbe utile anche per abbassare la pressione sanguigna, regolare il ciclo mestruale, favorire la diuresi e facilitare la cicatrizzazione cutanea.

Le sommità fiorite dell’issopo contengono gran parte dei principi attivi di questa pianta e, soprattutto, un buonissimo olio essenziale, responsabile della maggior parte delle sue proprietà balsamiche ed espettoranti, utile per combattere le affezioni delle vie respiratorie; proprio per questo l’issopo è usato soprattutto contro la tosse e per eliminare il catarro dai bronchi.

L’olio essenziale contenuto nell’issopo è utile anche per migliorare la digestione, infatti stimola la secrezione dei succhi gastrici ed elimina i gas intestinali; inoltre, i flavonoidi donano alla pianta anche proprietà diuretiche e antisettiche delle vie urinarie, aumentando la diuresi e liberando dai batteri il condotto urinario, pertanto è particolarmente utile contro la cistite.

Nonostante l’issopo venga usato soprattutto per la cura delle vie respiratorie, il suo olio essenziale è molto utilizzato anche per la preparazione di profumi e cosmetici.

L’issopo può essere assunto sotto forma di infuso per combattere tosse, ansia, meteorismo e problemi digestivi, con il quale si possono fare anche dei gargarismi per le infiammazioni della gola; per purificare la pelle e per lenire gli occhi stanchi vanno bene degli impacchi con l’infuso.

Infine, l’issopo viene usato anche in cucina come aromatizzante per dare sapore ad alcuni piatti e per profumare l’aceto e i liquori.

 

Photo Credit | Thinkstock

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.