Messa a dimora del lampone: consigli utili

di Giulia Tarroni

Il lampone è un arbusto che raggiunge un’altezza massima di un metro e mezzo, e produce dopo circa due anni dalla sua piantagione, dei frutti buonissimi e succosi che tutti conosciamo e con i quali realizzare ottime marmellate e torte. Oggi vi forniremo qualche consigli utile sulla messa a dimora del lampone, per ottenere il massimo dalla pianta: la pianta del lampone si può interrare da ottobre ad aprile a circa 80 cm di distanza l’uno dall’altra.

Per una corretta installazione, fate una buca profonda e larga circa cinquanta centimetri in modo da assestare bene la terra: eliminate bene sassi e radici delle erbe infestanti che vi sono intorno, per fare in modo che il lampone non venga soffocato ma possa svilupparsi tranquillamente. In fondo al buco che avrete fatto ricordate poi di inserire circa 60 grammi di cornunghia da mescolare alla terra, terriccio da piantagione e se necessario anche una parte di letame composto. Per rinfrescare le estremità delle radici dell’arbusto, potete anche immergerle in una poltiglia di fango.

A questo punto prendete il vostro arbusto e piantatelo, con il colletto al livello del suolo ma senza interrarlo eccessivamente, colmate la buca con la terra asportata in precedenza e pigiate in maniera uniforme la terra, formando una conca che poi andrete ad innaffiare abbondantemente . E’ importante che l’acqua fornita faccia in modo da creare una buona coesione tra radici e terra, in modo tale che le prime possano attecchire nel miglior modo e nel minor tempo possibile.

Foto credits: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.