Olio bianco minerale, l’insetticida

di Valentina

L’olio bianco minerale viene di solito nominato quando si affronta il problema dell’infestazione da parte di cocciniglie o altri insetti particolari sulle nostre piante. Ma che cosa è questo insetticida? Scopriamolo insieme.

L’olio bianco è un olio minerale purificato che viene utilizzato per distruggere le forme svernanti e le piccole larve di alcuni insetti, soprattutto quando questi si localizzano all’interno delle crepe delle cortecce degli alberi da frutto e delle piante ornamentali o sotto i germogli. Si tratta di un rimedio scarsamente nocivo che permane per un tempo breve sulla pianta e per questo utilizzato anche nell’agricoltura biologica per difenderle piante dai parassiti.

Vi sono due tipologie di olio bianco, una da usare di inverno ed una formulazione specifica da utilizzare se necessario d’estate. Fate attenzione quando vi rivolgete al vostro fornitura e verificate che sulla confezione sia specificato il modo di utilizzo e soprattutto il periodo. Gli oli bianchi sono insetticidi che vengono diluiti con l’acqua, di solito in soluzioni all’1-2%, ovvero circa 10-20 ml di prodotto per litro di acqua. Per preparare delle formulazioni efficaci di solito si diluisce prima il misurino di prodotto con poca acqua e poi con la rimanente da utilizzare. L’olio bianco deve essere distribuito attraverso la vaporizzazione e la sua distribuzione deve riguardare tutta la pianta, con particolare attenzione ai fusti ed al tronco.

Esso agisce soffocando gli insetti soprascritti. Sebbene non sia ritenuto pericoloso per gli animali domestici è consigliabile allontanare il proprio cane o qualsiasi altro animale dal luogo della somministrazione di questo rimedio. E’ importante ricordare che gli oli bianchi non devono essere utilizzati su piante ancora in fiore: il rischio è infatti quello di uccidere, oltre alle cocciniglie e gli altri insetti, anche quelli impollinatori, importanti per la riproduzione delle piante. Due ulteriori consigli? Somministratelo nel tardo pomeriggio e fate attenzione alla sensibilità della pianta: verificate prima su una piccola porzione della stessa se gli oli bianchi non abbiano effetti fitotossici.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.