Orto sul balcone, coltivare il cavolo nero

di Valentina

Spread the love

E’ tempo di tornare a dedicarci al nostro orto sul balcone ed il periodo autunnale che si sta avvicinando è praticamente perfetto per concentrarsi sulle brassicacee. Vogliamo vedere insieme come coltivare il cavolo nero? E soprattutto se è abbastanza alla portata di tutti farlo?

Piccola nota di storia: si tratta di un ortaggio conosciuto nel nostro paese fin dal tempo dei romani, ma differente dalle altre tipologia di cavolo per la forma che assume una volta maturo. Una delle cose principali delle quali tenere conto quando ci approcciamo a questo ortaggio è che ha bisogno di spazio per crescere adeguatamente. Bandite quindi dalla vostra mente dei vasi piccoli e stretti: non vanno bene per il cavolo nero.

Per quanto riguarda il terreno di coltura, argilla espansa e terriccio universale andranno bene,a patto che lo stesso mantenga una umidità adeguata, senza ristagni di acqua. Potete utilizzare dei concimi a base di azoto per aiutarlo nella crescita, evitando però dosi eccessive: non avete bisogno di fioriture anticipate che possano rovinarvi la raccolta. Il vaso, fate attenzione, deve essere profondo almeno 40 cm e non deve ospitare più di una pianta. Sta a voi la scelta se inserire delle piantine nel vaso, da comprare però fra qualche tempo, o iniziare già adesso con la semina, abbastanza fattibile in tutte le zone d’Italia. In questo caso evitate che il vaso prenda del sole diretto se abitate in zone molto calde. Il cavolo nero ha una forte capacità di adattamento, ma è meglio non rischiare. Come sempre al momento dell’acquisto della semenza verificatene il tasso di germinabilità.

Se avete poco spazio potete sempre creare in un solo vaso diversi spazi di semina per le piantine e poi procedere, quando sono alte almeno 10 cm al rinvaso in un singolo contenitore per ognuna. Una irrigazione costante e non eccessiva farà crescere adeguatamente la vostra pianta. Iniziate a raccogliere quando la stessa presenterà almeno 4 coppie di foglie adulte. Ma possiamo darvi un consiglio? Aspettate i primi freddi, il cavolo nero sarà ancora più buono!

Photo Credit | Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.