Peonia, varietà e cure

di Redazione

Nella scelta della pianta giusta per il nostro giardino siamo spesso condizionati dal fattore-temperatura, poiché non sempre è facile trovare specie capaci di sopportare i rigidi inverni italiani (specie nel centro-nord). E allora ecco giungere in nostro soccorso la Peonia, pianta dalla fioritura spettacolare e particolarmente adatta ai climi freddi.

Appartiene al genere delle Peoniacee ed il suo nome è legato alla tradizione greco-romana. Peone, infatti, era il nome del medico degli dei, trasformato in fiore dopo aver alleviato i dolori del parto di Latona. La tradizione orientale  racconta invece che la Peonia era il fiore degli imperatori, ai quali era riservato il privilegio di coltivarla e raccoglierla.

Leggende molto diverse tra loro, ma che comunque ci danno l’idea di quanto sia antica la coltivazione della Peonia, usata per lo più a scopo ornamentale per le sue fioriture colorate e molto profumate.

In natura ne esistono una trentina di specie, coltivabili sia in piena terra che in vaso, purché si abbia l’accortezza di collocarle in un terreno umido e drenato, possibilmente in pieno sole (solo alcune varietà hanno bisogno di essere riparate dal tepore mattutino dei raggi, dopo una nottata particolarmente fredda).

Le innaffiature devono essere abbondanti in estate, specie per le Peonie coltivate in vaso, e meno frequenti nel periodo invernale, quando la pianta tende a provvedere autonomamente al fabbisogno d’acqua. Ricordiamo inoltre che la Peonia, pur essendo una pianta abbastanza “indipendente”, ha bisogno comunque della mano dell’uomo, almeno per quanto riguarda la concimazione, con materiale stallatico in inverno e terriccio ricco di azoto e potassio in primavera.

Tra le specie più conosciute segnaliamo la Peonia corallina (con grandi fiori rossi), la Peonia lactiflora (fiori bianchi e profumati con diametro fino a 10 centimetri), la Peonia officinalis (con fiori grandi color “cardinale” o cremisi, se preferite), la Peonia suffruticosa (fiori bianchi con sfumature rosa, rosso o porpora) e la Peonia tenuifolia (fiori rossi con stami gialli).

Commenti (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.