Punteruolo rosso, micidiale nemico della palma

di Marion

Il punteruolo rosso

Il punteruolo rosso (rhyncophorus ferrugineus) è un coleottero curculionide originario dell’Asia sud-orientale e della Melanesia. Si è diffuso dall’Asia in quasi tutti i paesi del bacino meridionale del Mar Mediterraneo a causa del commercio di esemplari infetti, dapprima con gli Emirati Arabi e poi con altri paesi medio orientali.

Il micidiale insetto, che divora la palma fino a causarne il termine del ciclo vegetativo, è stato segnalato per la prima volta in Italia nel 2004 e dal 2005, dopo aver arrecato enormi danni in Sicilia, si è rapidamente diffuso da nord a sud del paese.

I primi sintomi dell’infestazione da punteruolo rosso si manifestano a livello della chioma della palma che inizia a mostrare un caratteristico aspetto cascante, definito a “ombrello aperto”, che può culminare nella perdita totale delle foglie. Man mano che l’infestazione avanza, la palma collassa per essere poi abbandonata dal parassita.

Il punteruolo rosso infatti si insedia all’interno della palma divorandola letteralmente: la femmina depone sulla base delle foglie più giovani o in cavità sul tronco, circa 300 uova le quali in pochi giorni (da due a cinque) divengono larve che si cibano dei tessuti fibrosi della pianta, scavano per muoversi verso il suo interno e la colonizzano completamente prima di divenire esemplari adulti.

L’infestazione non si rende evidente fino a che il coleottero non ha quasi distrutto la palma, ragione per cui i tentativi di salvare l’esemplare una volta attaccato sono destinati al fallimento. Attualmente, sembra che l’unico modo per scongiurare la distruzione della palma sia rappresentato dalla prevenzione, sia ad opera degli Osservatori fitosanitari sul territorio che dei privati cittadini che posseggono esemplari di palme nei propri giardini.

In questo senso può essere utile potare la pianta in modo da ridurre i possibili varchi di accesso per il punteruolo, nonchè la distruzione tempestiva degli esemplari infetti mediante la rimozione degli stessi e la bruciatura di ciò che ne resta. Operazioni queste ultime svolte dalle istituzioni territoriali competenti cui va inoltrata apposita segnalazione anche semplicemente in casi sospetti.

Commenti (6)

  1. Punteruolo Rosso ora si può fermare.
    Soluzione completamente bioecologica, è in fase sperimentale, ma ha già avuto buoni risultati un sistema denominato “Quantum Palma” che utilizza frequenze magnetiche assolutamente innoque per le persone. Lo studio ha portato alla realizzazione di un dispositivo, il Quantum Palma che, operando a livello frequenziale su un piano di energie sottili magnetiche e in fisica quantistica, è in grado di mantenere la giusta polarità magnetica della pianta, impedendo così al parassita di avvicinarla per infestarla.

    Maggiori informazioni sono disponibili al seguente indirizzo http://www.freebioenergy.it

    1. Me lo auguro Luigi, io ho dovuto dire addio alla mia palma, “vecchia” cinquant’anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.