Riciclare gli scarti della raccolta delle olive

di Valentina

Riciclare gli scarti della raccolta delle olive? E’ la cosa migliore che si può fare per il proprio orto, per se stessi e per fare in modo di ripulire perfettamente il proprio uliveto. E a dispetto di quello che si possa pensare è davvero semplicissimo farlo.

Foglie di ulivo

Le foglie di ulivo possono essere usate per la pacciamatura. Non date retta a coloro che dicono che rende il terreno “amaro”. Si tratta di una credenza popolare priva di fondamento. Quel che è evidente è che pacciamare con le foglie dell’ulivo apporta gli stessi benefici del farlo con le foglie e con gli altri materiali organici provenienti dalle piante. Anche i rametti fini ed i succhioni che si eliminano se spezzettati sono utili allo scopo.

Rami tagliati

Spesso e volentieri, sebbene la potatura dell’ulivo venga fatta in altri momenti dell’anno, i contadini esperti approfittano della raccolta delle olive per dare una piccola sfoltita ai rami. Il legno che si ricava si deve riporre in un luogo asciutto per farlo seccare un poco. Una volta asciugato è perfetto per essere utilizzato in camino o stufe che siano in grado di bruciarli efficacemente.

Olive

Vi possono essere delle olive che per motivazioni di tempo o organizzazione sono rimaste sull’albero dopo la spremitura al frantoio. Quelle avanzate possono essere messe sotto sale e agrumi e poi consumate dopo attenti lavaggi nel momento in cui avranno perso la loro amarezza. Riciclare “gli scarti” della raccolta delle olive, come potete vedere è più semplice di quel che si pensa.

Photo Credits | iphotobank / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.