Ulivi e mosca olearia: importanza del trattamento

di Valentina

Quando si parla di ulivi e mosca olearia è bene ricordare che quest’ultima non è un insetto qualsiasi ma il principale fautore parassita dei problemi di cui questi alberi possono soffrire e conseguentemente la primaria motivazione di una raccolta delle olive non soddisfacenti.

L’ulivo è un albero definibile allo stesso tempo ornamentale e da frutto: soprattutto i suoi esemplari secolari sono di una bellezza abbagliante se inseriti all’interno di uno spazio verde e resi protagonisti dello stesso. Ma è altresì innegabile che se ben curato un oliveto è in grado di fornire quintali di olive perfette per essere trasformate in olio. La mosca olearia, purtroppo, è colei che rompe le uova nel paniere. La sua infestazione non solo crea danni alle olive portandole a marcire sull’albero, ma è in grado di indebolire la pianta.

Il risultato della sua presenza si traduce nella maggior parte dei casi in un raccolto insoddisfacente. Il trattamento preventivo contro di essa è necessario per avere alberi sempre in salute, per poter ottenere delle olive perfette dal punto di vista organolettico ed infine per evitare che il proprio appezzamento di terra diventi la tana di parassiti che per quanto fitofagi rappresentano un fastidio anche per l’essere umano.

Si può evitare tutto ciò, lo ripetiamo, con un trattamento insetticida preventivo che dia modo alla pianta di essere libera dall’insetto. E per quanto sia comprensibile una certa reticenza da coloro che vogliono una coltura completamente biologica, è altresì importante capire che la salute delle piante può essere messa seriamente in pericolo dalla mosca olearia. Mai come in questo caso prevenire è davvero più conveniente che curare.

Photo Credit | Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.