Significato dei fiori: l’amaranto

di Valentina

Quando parliamo dell’amaranto ci vengono in mente  fiori che non appassiscono mai, dalla straordinaria bellezza in ogni sua varietà, a partire dalla più semplice, caratterizzata da fiori pendenti e tendenti al carminio fino ad arrivare alla Celosia, conosciuta anche con il nome di cresta di gallo per i suoi fiori gialli davvero spettacolari. Oggi ne ripercorreremo la storia, le leggende ed il suo significato nel linguaggio dei fiori.

Per molto tempo, nel variegato mondo del significato dei fiori l’amaranto ha rappresentato l’immortalità, ma non di rado in diverse culture in tutto il mondo assume il significato di “disperazione”. Entrambi i significati potrebbero avere origine dallo stesso fattore, essendo un  fiore davvero particolare. Esso era considerato immortale perché in grado di riprendersi a contatto con l’acqua anche se i suoi fiori sono appassiti.  Il suo nome stesso, derivante dal greco amarantos ,”l’unico che non appassisce”, lo connota.

Nel corso degli anni a partire da Esopo che ne scrisse una fiaba unendolo alla rosa,  passando per Plinio il Vecchio che lo inserì nel suo Naturalis Historia fino ad arrivare a John Milton ed al suo “Paradiso perduto”, questo fiore ha catturato in maniera molto viva la fantasia di diversi artisti che lo hanno utilizzato nelle loro opere proprio per il significato che allo stesso era attribuito.  E non stupisce nemmeno che in alcune culture l’amaranto assuma il significato di disperazione. Immaginate di essere l’unico immortale in mezzo a tanti esseri mortali: la disperazione della perdita di affetti deve essere incredibile.

Tornando indietro nel tempo, questi fiori dall’aspetto inusuale venivano utilizzati come fiori sacri nel corso dei riti funebri. Questo perché nella mitologa ellenica, Amaranto re di Eubera e amante di Artemide, fu tramutato dalla stessa in fiore dopo che era annegato a causa di un maremoto scatenatogli contro da Poseidone. Per la stessa leggenda, assunse il significato di “sentimento immutabile” nel tempo all’interno dei bouquet.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.