Significato dei fiori: la malva

di Valentina

Per il nostro consueto appuntamento con il linguaggio dei fiori oggi tratteremo di un fiore “ dolce” sia nel significato che per gli effetti che ha sull’uomo il suo utilizzo: parliamo della malva. Si tratta di un fiore considerato in un determinato periodo della storia umana quasi come una “panacea” per tutti i mali. I suoi effetti, va riconosciuto, sono di diversa tipologia e potenza.

Questo pianta così delicata ma al contempo così forte, cresce spontanea in molte parti della nostra penisola, lungo i sentieri di campagna ed nei campi.  Appartenente alla famiglia delle Malvacee, non ha sempre posseduto lo stesso significato.

Attualmente il linguaggio che esprime è quello di una calma pacatezza e di amore materno, connotazione da lei conquistata nei primi dell’800 e derivante in maniera totalitaria dagli studi botanici effettuati e dagli effetti che si è scoperto la pianta possedere nei confronti dell’organismo umano. Una conferma arrivata fino a noi partendo dal medioevo, dove monaci e signorotti locali la utilizzavano spesso per curare diversi tipi di patologie.

Un significato questo, ben diverso da quello archiviato nel corso dell’antichità, dove la malva rappresentava un forte coadiuvante sessuale. Lo storico e scrittore romano Plinio ci racconta infatti che veniva considerata la pianta del desiderio sessuale. Considerata un forte afrodisiaco sia per gli uomini che per le donne, essa veniva legata (solitamente bastavano tre radici, n.d.r.) accanto ai genitali per accrescere la voglia sessuale.

Piccola curiosità storica: il nome malva deriva dal termine greco malakos, che significa sia dolce che calmante.  Nell’antichità  Greci erano soliti mangiare i semi di malva e in seguito confezionare infusi con gli stessi, al fine di essere utilizzati, come ora accade in fitoterapia, per calmare la tosse, e diverse tipologie di infiammazione.

Un fiore dalle mille sfaccettature di significato e da colore rilassante fanno di questa pianta una delle autoctone italiane più interessanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.