Tecniche colturali: la semina sotto vetro

di Valentina

Marzo non è solo il mese nel quale arriva finalmente la primavera dopo il rigido freddo invernale: è anche un periodo di sperimentazioni e di messe a punto botaniche. Tra i lavori che possiamo mettere in pratica per il nostro giardino, orto o terrazzo, vi è la semina sotto vetro. Si tratta di un particolare tipo di moltiplicazione non difficile da effettuare, ma dalle soddisfazioni davvero enormi.

Di solito viene eseguito per fiori, piante ed ortaggi che si desidera coltivare all’interno di un appartamento, soprattutto per la velocità di sviluppo della pianta scelta. Potrebbe rientrare idealmente in tutti quei metodi di forzatura rispetto alla normale vita biologica della pianta. Analizzando la realtà dei fatti si capisce che semplicemente “esaspera” le condizioni ambientali necessarie alla crescita favorendo così la velocizzazione della nascita.

Si tratta di un metodo utilizzabile con molte piante. Un esempio fra tutte è la portulaca. Ma abbiamo anche il basilico e le carote. E’ proprio su di esse che baseremo il nostro esempio per farvi capire cosa fare. Essenzialmente i passaggi da mettere in atto non sono molto difficili e se si abita in campagna e si possiede un tunnel freddo o una serra i risultati saranno ancora più evidenti. Fatta questa piccola premessa teorica passiamo alla pratica.

Prendiamo una cassetta dai bordi preferibilmente chiusi. Ne va bene una in plastica, o in alternativa un vaso basso rettangolare. Riempiamo quindi questo contenitore con della terra da semina, facendo in modo tale che il terriccio non tocchi il bordo, altrimenti rischieremmo di mettere a repentaglio  le giovani piantine in crescita non dando loro modo di svilupparsi correttamente. Prendiamo poi i semi e mescoliamoli con della sabbia fine che distribuiremo sul terreno. Copriamo tutto con un sottilissimo strato di terra, alto al massimo 5 millimetri.

Dopodiché compattiamo ed annaffiamo. A questo punto possiamo posizionare un pannello di vetro sul contenitore e posizionarlo in un luogo luminoso o inserirla in un tunnel freddo.  Di solito con questo metodo i semi germogliano in un lasso di tempo che va da una a due settimane.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.