Vivaista, cosa è ed i requisiti

di Valentina

Ne parliamo spesso, ma non abbiamo mai fino ad ora affrontato con occhio critico la professione del vivaista. Poco male, rimediamo subito, tentando di capire come funziona la professione ma soprattutto quali debbono essere i requisiti per essere tali. La storia della rosa per i 150 anni d’Italia ci ha raccontato, attraverso l’esperienza del suo creatore di come questo lavoro possa essere interessante e denso di soddisfazione.

Prima di tutto dobbiamo parlare di vivaismo e cosa si intende di preciso con questo termine. Attraverso di esso si parla di un comparto agricolo specifico che si occupa di coltivazione in scala “industriale” della coltivazione di piante e fiori da commercializzare. I vivai a loro volta possono essere divisi in diverse tipologie specifiche che ora vi citeremo:

  • vivaismo ornamentale: specializzato nella produzione di piante ornamentali;
  • vivaismo frutticolo: specializzato nella produzione di piante da frutto (pomacee, drupacee, agrumi, vite, olivo ecc.);
  • vivaismo orticolo: specializzato nella produzione di giovani piantine di specie ortive da trapiantare in serra o in pieno campo.
  • vivaismo forestale: specializzato nella produzione di essenze forestali.

Non dobbiamo incorrere nel pensare che quello floreale è il più diffuso perché ne riscontriamo maggiore manifestazione nelle nostre vite e soprattutto nessuno si può improvvisare vivaista: la passione e la voglia di fare possono rappresentare un buon punto di partenza, ma è necessaria anche una determinata specializzazione correlata da uno spazio adeguato per metterla in atto per poter tirare su un vivaio come si deve.

Tornando al vivaista come professione, esso è colui che gestisce il vivaio, colui che produce piantine, bulbi o semi da piantare per commercializzarli. Si tratta di una professione molto diversa da quella del produttore di fiori o piante che acquista il bene dal vivaista pe far crescere il vegetale e poi rivenderlo ad aziende o privati.

Scegliere di fare il vivaista comporta l’avere a che fare con numerose variabili, prima di tutto quelle metereologiche, ma anche con l’ottenere numerose soddisfazioni.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.