Zinnia in fiore nel 2016 nello spazio

di Valentina

Piante in fiore nello spazio. Gli astronauti dell’ISS hanno potuto godere di fresche e croccanti foglie di insalata nella stazione spaziale: dal 2016 potranno bearsi della bellezza e del profumo delle zinnie.

Si tratterà dei primi fiori sbocciati nello spazio grazie a Veggie: così è stato soprannominato il piccolo orto che gli astronauti che si avvicendano sulla stazione hanno creato e continuano a coltivare. La zinnia è una pianta appartenente alla famiglia delle Asteracee. Per la sua capacità di sviluppo ed adattabilità è stata scelta per questo particolare esperimento di botanica.

L’astronauta della Nasa Kjell Lindgren si sta occupando della sua crescita partendo proprio dalla semina, regolando la somministrazione di nutrienti, acqua e la regolazione del led che darà alla pianta di zinnia la giusta esposizione. La crescita e la fioritura sono attesi per il 2016. Ovviamente questi esperimenti non hanno luogo per rendere la stazione esteticamente più piacevole ma per studiare come le piante in generale riescano a crescere nello spazio e l’esistenza di possibilità reali di coltivazioni in grande scala in caso si renda necessario.

E’ infatti necessario comprendere quali sono le reazioni specifiche in caso di microgravità, soprattutto sul lungo termine. I team di scienziati sono pronti, una volta fiorite le zinnie a dedicarsi alla coltivazione di pomodori, con la speranza di assaggiarne i frutti. Non solo: attraverso queste piccole prove si pò anche testare la germinabilità del seme nello spazio, come e quanto i pollini eventualmente influiscono sulla salute dell’equipaggio e tutte quelle situazioni che si potrebbero presentare nel corso di un viaggio spaziale lungo di esplorazione.

Photo Credits | Amawasri Pakdara / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.