4 consigli per coltivare il peperoncino

di Valentina Commenta

Abbiamo per voi 4 consigli per coltivare il peperoncino. Si tratta di una esperienza che può essere molto piacevole e dai gradevoli risultati. Bastano un pizzico di impegno e le conoscenze giuste.

peperoncini (2)

1. Buon terreno e acqua a sufficienza

Per coltivare del peperoncino in modo efficace non vi sono grandi problemi sia che lo si faccia in vaso che in piena terra. Non bisogna dimenticare infatti che il peperoncino è ascrivibile alle piante rustiche e quindi dotato di una innata resistenza. Il terreno deve essere dotato di una certa fertilità, non troppo compatto e ha bisogno di acqua a sufficienza: la stessa che in qualche modo ne esalterà il sapore.

2. Attenzione al sole

Sebbene in piena terra sia difficile da ottenere d’estate, fate in modo che la temperatura non superi i 30°C. A quel punto infatti il peperoncino smette di vegetare. Fate in modo tale di piantarlo o porlo in posti che gli assicurino delle zone di ombra durante le ore più calde della giornata. In poche parole è necessario pianificare bene il punto nel quale la pianta di peperoncino si troverà a crescere.

3. Meno acqua significa più piccante

Per ciò che concerne la coltivazione del peperoncino, gestire l’acqua è la cosa più difficile da fare e più importante da imparare. Va assolutamente evitato il ristagno idrico per il bene della pianta che se sarà annaffiata a dovere potrebbe presentare anche una minore forza pungente nel suo sapore.

4. Fertilizzare a dovere

Meno azoto, più calcio e magnesio:è questa la formula magica per ottenere degli ottimi peperoncini. Esistono dei prodotti specifici in negozi specializzati: non fatevi problemi ad utilizzarne, sebbene il letame dovrebbe essere il metodo di concimazione per eccellenza.

Photo Credits | Bernd Juergens / Shutterstock.com

google-max-num-ads = "1">