Coltivare l’insalata in vaso

di Valentina

Sempre più persone, a causa della crisi, decidono di provare a dare vita ad un orto sul proprio terrazzo: un modo semplice e conveniente di poter consumare verdure fresche e risparmiare sulle spese. Oggi vedremo come coltivare l’insalata in vaso. L’estate è la stagione giusta per provare a dar vita a questo progetto. Per riuscire servono semplicemente decisione e tanta costanza.

Questo perché come coltura l’insalata risente molto delle alte temperature e necessita d’irrigazioni regolari e non eccessive. Il mese di agosto è particolarmente adatto per il trapianto delle piantine d’insalata: recatevi nel vostro vivaio di fiducia e comprate alcune piantine. Il nodo più importante da sciogliere, se si decide di coltivare la verdura sul proprio balcone è quello del vaso. La profondità necessaria per consentire alla pianta di crescere adeguatamente è pari a 30 cm. La lunghezza potrà variare a seconda delle piante che intendete sviluppare. Un vaso rettangolare lungo 60 cm è adatto, ad esempio, per la crescita di tre cespi al massimo.

Tenete come base da cui partire la profondità. E calcolate almeno 20 cm da ogni lato dell’ipotetica pianta per decidere la grandezza dello stesso. Passiamo ora al terreno di coltura. Se volete essere sicuri di dare alle vostre piante d’insalata il meglio, la composizione ideale è quella caratterizzata da una buona fertilità ed da capacità drenanti. Della terra da giardino mista a terriccio universale con un po’ di perlite è una soluzione accettabile. E’ importante che la terra utilizzata non sia eccessivamente fertilizzata per non portarle la pianta stessa ad accumulare fertilizzanti chimici nelle foglie che poi consumeremo.

Per ciò che concerne l’innaffiatura, dobbiamo ricordare che è questo l’elemento più importante della coltivazione in vaso dell’insalata. Bisogna quindi essere in grado di unire la necessità di annaffiature non eccessive ma costanti tipica dell’insalata in generale per evitare che fiorisca prematuramente, e dall’altro le caratteristiche stesse del vaso che a seconda della composizione in terracotta o in plastica variano la capacità del terreno di assorbimento dell’acqua. Piccolo consiglio: tenete i vasi a mezz’ombra.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.