Come coltivare il rosmarino

di Daniela

Tra le piante aromatiche che possono essere coltivate nel giardino o sul terrazzo non può mancare il rosmarino, una pianta a cui servono poche cure perché è molto resistente. Per coltivare il rosmarino basta acquistare una piantina, anche di quelle che si vendono al supermercato e trapiantarla in un vaso un po’ più grande pieno di terriccio universale e con un buon drenaggio.

La posizione ideale per il rosmarino è quella esposta al sole perché la pianta ama il caldo e si sviluppa bene se posizionata a sud; annaffiate con regolarità, soprattutto durante il primo anno, pur evitando gli eccessi, in quanto una volta sviluppata, la pianta può resistere anche periodi di siccità. Quindi, annaffiate ogni due o tre giorni, e ogni 15 aggiungete del fertilizzante per piante verdi. Se dovete utilizzarlo in cucina, cimate i rami più lunghi tagliandoli con le forbici.In inverno, soprattutto se abitate in una zona fredda proteggetelo con del tessuto non tessuto e sospendete le annaffiature; in primavera rinvasate il rosmarino in un vaso un po’ più grande e rinnovate il terriccio.

Il rosmarino può essere moltiplicato per talea tagliando un rametto semilegnoso di circa 10 centimetri; eliminate le foglie più in basso e lasciate solo quelle in cima, sistemate la talea in un vasetto con sabbia e terra in parti uguali fino a marzo, quando trapianterete la nuova pianta in un vaso più grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.